Quest'anno il mare sarà diverso e sarà distante, ma probabilmente ci sarà. La possibilità di fare un bagno o prendere il sole dovrà infatti inevitabilmente passare per tutte quelle norme di distanziamento sociale e di protezione personale che coinvolgono anche il resto delle nostre attività fuori dal domicilio. Non potranno più esserci, in breve, assembramenti anche sulle spiagge, dove la necessità di mantenere le distanze sarà tanto importante quanto lo è in ambiti quotidiani. Per questo diventeranno sempre più fondamentali, così come accaduto per i supermercati e i negozi, le app che ci permettono di prenotare il posto in spiaggia. Una delle prime è Beacharound.

L'applicazione dell'italiano Alberto Parla ha di certo un discreto vantaggio: il 29enne stava lavorando al suo sviluppo da tempo e, una volta completata in questi mesi difficili, l'app ha saputo attirare a sé un grande numero di stabilimenti che hanno aderito al sistema di prenotazione consentito dalla piattaforma. Un approccio basato su un portale web (e non un'app, per ora) dove è possibile selezionare stabilimento e giorno desiderati e poi lettino o ombrellone. Lo si può fare anche senza registrarsi con un account: basta andare sul sito e scegliere tra gli stabilimenti a disposizione.

Anche il pagamento non avviene online: si paga direttamente in loco e Beacharound non prende nessuna commissione né dallo stabilimento né dall'utente. Una funzionalità molto utile del portale è quella che consente di selezionare il bagno a seconda dei servizi che offre; se ci sono docce, per esempio, ma anche animazione, giochi per bambini, WiFi e lezioni di yoga. È anche possibile vedere quali spiagge accettano i cani. Attualmente gli stabilimenti presenti nel servizio sono circa 7.000, ma il portale conta di aumentare questo numero nel corso dei prossimi mesi, quando si inizierà a parlare davvero di mare. Beacharound sta anche lavorando per permettere la prenotazione nelle spiagge libere, dove quest'estate bisognerà comunque osservare il distanziamento sociale e gli ingressi contingentati.