Opinioni
10 Ottobre 2016
15:57

Bonus Cultura per i 18enni? In ritardo, il sito è ancora in versione beta e manca l’app

Su Twitter numerosi neo-diciottenni segnalano problemi relativi all’erogazione del Bonus Cultura:i siti 18app.it e diciottapp.it è ancora online in fase beta e al momento non è possibile quindi scaricare l’app da utilizzare per ottenere e spendere il voucher da 500 euro destinato ai nati nel 1998.
A cura di Charlotte Matteini

Problemi all'orizzonte per il Bonus Cultura dedicato ai giovani 18enni che compiono la maggiore età nel 2016. Il Bonus da 500 euro avrebbe dovuto essere erogato a partire dal 15 settembre 2016 a tutti i ragazzi nati dal 1 gennaio al 31 dicembre 1998 attraverso un app messa a disposizione dal Governo, che i ragazzi avrebbero dovuto utilizzare per richiedere la card da usare per acquistare libri, biglietti per concerti e teatri e vari prodotti culturali compresi nella lista stilata dal ministero dei Beni Culturali. I ragazzi, per poter visualizzare sul proprio tablet o smartphone il voucher, l'ammontare del credito residuo e la lista degli esercenti a cui fare riferimento per spendere il bonus da 500 euro, devono accedere al sito www.18app.it o www.diciottapp.it, inserire lo Spid – fornito dai  provider Poste, Aruba, Tim, Infocert e Sielte – ovvero la propria identità personale che permette di accedere ai servizi online forniti dalla Pubblica amministrazione, e una volta completata l'autenticazione e la registrazione, scaricare l'App che andrà utilizzata per usufruire del voucher da 500 euro. Su Twitter, però, come riporta il quotidiano Il Mattino, molti ragazzi stanno evidenziando numerosi problemi e sottolineano il fatto che al momento, nonostante siano ormai passate quasi 4 settimane dall'entrata in vigore del Bonus, è impossibile scaricare l'applicazione e che il gestore del sito web ha comunicato loro che per completare tutta la procedura sarà necessario attendere ulteriori istruzioni dall'Esecutivo.

Insomma, a un mese di distanza dall'arrivo del Bonus Cultura, i neo-diciottenni si ritrovano a dover attendere non si sa bene quale disposizione mancante, mancanza che però non è stata annunciata dal ministero dei Beni Culturali, ma scoperta dai giovani maggiorenni e comunicata tramite apposito messaggio pre-confezionato dal provider del sito web. In pratica, a leggere la comunicazione postata da alcuni utenti, il sito 18app.it e diciottapp.it, online dal 15 settembre 2016, sarebbe ancora in fase beta e, dunque, al momento è possibile solamente completare la registrazione e Spid e trovare informazioni relative al Bonus Cultura, ma l'app necessaria non è scaricabile e, si legge, per poter accedere a tutte le attività convenzionate e spendere il voucher si dovrà attendere ottobre.

Al momento, l'unico annuncio che riferisce di un ritardo nell'erogazione del Bonus è stato pubblicato tramite l'account Twitter Italia Digitale, dove viene comunicato che a breve alcune problematiche verranno risolte e che i ragazzi già in possesso dello Spid potranno finalmente scaricare l'app e usufruire dei 500 euro del Bonus Cultura.

Milanese, classe 1987, da sempre appassionata di politica. Il mio morboso interesse per la materia affonda le sue radici nel lontano 1993, in piena Tangentopoli, grazie a (o per colpa di) mio padre, che al posto di farmi vedere i cartoni animati, mi iniziò al magico mondo delle meraviglie costringendomi a seguire estenuanti maratone politiche. Dopo un'adolescenza turbolenta da pasionaria di sinistra, a 19 anni circa ho cominciato a mettere in discussione le mie idee e con il tempo sono diventata una liberale, liberista e libertaria convinta.
WhatsApp per Android introduce la segreteria telefonica nella versione beta
WhatsApp per Android introduce la segreteria telefonica nella versione beta
Winamp sta tornando: dopo anni si aggiorna l'app che nel 1997 rivoluzionò l'ascolto di musica
Winamp sta tornando: dopo anni si aggiorna l'app che nel 1997 rivoluzionò l'ascolto di musica
Su WhatsApp arrivano le nuove bolle delle chat: ecco come saranno
Su WhatsApp arrivano le nuove bolle delle chat: ecco come saranno
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni