15 Aprile 2013
18:20

BuyReply, la startup australiana che consente gli acquisti online con un tweet

La piattaforma promette di rivoluzionare il settore dell’e-commerce rilanciando gli acquisti “one click”, privilegiando questa volta il social network meno inflazionato, ovvero Twitter. Il progetto ha raccolto 1 milione di dollari da alcuni fondi di investimento, tra cui quello di Peter Thiel, ex patron di PayPal.
A cura di Angelo Marra

Secondo un'indagine condotta qualche mese fa da una società specializzata, nella maggior parte dei casi in cui un acquisto online viene interrotto da un cliente la colpa è da attribuire alla lentezza ed ai numerosi passaggi necessari per completare la transazione. Appare chiaro quindi che le modalità tradizionali su cui si fonda il commercio elettronico necessitino di soluzioni che rendano l'intera operazione più snella e rapida. In questo senso sono molte le aziende che hanno lanciato la modalità "one click", tra cui la più famosa è senza dubbio Amazon.

Una volta configurato il proprio "profilo" sul sito (inserendo tutte le informazioni, dal numero di carta all'indirizzo di consegna) è possibile acquistare beni sulla piattaforma con un semplice click, senza dover compilare ogni volta tutti i campi necessari (a meno che non si intenda cambiare l'indirizzo di destinazione oppure la carta con cui pagare). Allo stesso tempo moltissimi commercianti e aziende pubblicitarie hanno ormai compreso l'enorme potenziale dei social network, anche se nella stragrande maggioranza dei casi l'unico interlocutore "organizzato" si è rivelato Facebook.

Dal Nuovo Continente  arriva però una novità davvero interessante che promette di cambiare le carte in tavola, rendendo rapidi gli acquisti ed ampliando al tempo stesso le possibilità di intervento, integrando altre piattaforme come la posta elettronica, gli sms e Twitter. BuyReply infatti sfrutta il principio dell'acquisto "one click" applicandolo però anche alla pubblicità cartacea, televisiva, insomma anche ai media non strettamente legati alla rete, grazie all'ausilio di Qr Code, particolari numerazioni e riferimenti sulla piattaforma di microblogging per fare shopping direttamente con il telefonino.

Come Funziona

Come abbiamo già detto, BuyReply si basa sul concetto dell'acquisto in un singolo click. Per fare ciò è necessario naturalmente inserire (solo la prima volta) le proprie informazioni sulla piattaforma, dopodiché si ha una vasta scelta di strumenti per poter procedere all'acquisto. Una delle peculiarità di questa startup è quella di aver studiato una soluzione che consente di utilizzare Twitter per fare acquisti, un'idea innovativa se consideriamo che solo da qualche mese la piattaforma dell'uccellino si è aperta all'e-commerce, superando il limite della semplice promozione.

In questo video è possibile osservare la modalità di acquisto tramite Twitter per un prodotto sponsorizzato in tv.

Il business model dell'azienda si basa in questo caso sul guadagno su ogni singola transazione (5% più 0,15$), con la possibilità però di sottoscrivere un canone mensile di 99 dollari (in questo caso verrà addebitato solo il 3% su ogni transazione più i 15 centesimi). Il numero di telefono dedicato per l'acquisto dei singoli prodotti tramite sms invece è gratuito per il primo bene mentre costa 10 dollari per i successivi.

La startup

BuyReply è nata nel 2011 in Australia ma da qualche mese ha puntato soprattutto il mercato americano (ancora nessuna notizia per quello europeo), anche se ha assicurato di voler continuare ad operare dal proprio Paese d'origine. Poche ore fa il progetto ha ricevuto un finanziamento di 1 Milione di dollari da parte di alcuni sostenitori tra i quali il fondo internazionale Valar Ventures di Peter Thiel (co-fondatore di PayPal) , Square Peg Ventures e Adrian MacKenzie.

Acquisti online con Twitter
Acquisti online con Twitter
794 di Viral Tech
Postable, la startup per i nostalgici della scrittura manuale
Postable, la startup per i nostalgici della scrittura manuale
Postable, la startup per i nostalgici della scrittura manuale
Postable, la startup per i nostalgici della scrittura manuale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni