Libra, la criptovaluta di Facebook
27 Maggio 2020
12:19

Calibra ora si chiama Novi: perché il portafoglio digitale di Facebook ha cambiato nome

Il cambio di nome annunciato oggi non cambia lo scopo della piattaforma sviluppata dall’azienda sussidiaria di Facebook: creare un’app e un servizio per i pagamenti digitali che utilizzino Libra come valuta. La data del debutto però non è stata ancora comunicata, e dipenderà dal percorso della criptovaluta.
A cura di Lorenzo Longhitano
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Libra, la criptovaluta di Facebook

Calibra, il portafoglio digitale che in futuro verrà usato dagli utenti per gestire la criptovaluta di Facebook Libra, da oggi cambia nome. Lo ha annunciato in queste ore la casa di Menlo Park, specificando che da ora in poi la dicitura Calibra finirà in soffitta sostituita dal nuovo nome con il quale il wallet sarà conosciuto da ora in poi: Novi. La stessa sorte l'ha subita anche l'azienda figlia di Facebook che si occupa dello sviluppo e della gestione del portafoglio e della sua integrazione con WhatsApp e Messenger, e che da Calibra ha cambiato nome in Novi Financial.

Cosa sarà Novi

Il nome Novi — ha spiegato Facebook — deriva dalla fusione delle parole latine novus e via, o "nuova via". Quel che c'è di nuovo per il momento è la volontà di Facebook di mostrarsi quanto più distante possibile dalle redini del progetto Libra. L'app sviluppata da Novi Financial sarà infatti un semplice contenitore dove stoccare la criptovaluta; Novi potrà legarsi alle app di messaggistica istantanea del gruppo Facebook per consentire agli utenti di scambiarsi denaro con la velocità con la quale si scambiano un messaggio, ma l'azienda non potrà decidere unilateralmente del destino della criptovaluta.

Perché il cambio di nome

Le cose in realtà stavano così anche prima, ma evidentemente Facebook desidera rendere più chiaro possibile che la sua sussidiaria è soltanto una delle aziende sostenitrici della criptovaluta insieme agli altri membri della Libra Association. Novi Financial ha inoltre specificato che il suo non sarà un portafoglio anonimo, e che per utilizzare i suoi servizi di pagamento occorrerà una registrazione coadiuvata dal caricamento online di un documento di identità valido.

Le novità di Libra

Dal punto di vista della criptovaluta vera e propria, quel che è cambiato nel corso di questi mesi di sostanziale silenzio è che non si tratterà più di una moneta universale legata a doppio filo a un paniere di valute internazionali. Libra sarà infatti disponibile nei vari Paesi in formati diversi, ciascuno legato a una singola valuta come dollaro, euro o sterlina. L'app e i servizi messi a disposizione da Novi Financial potranno essere utilizzati non solo per lo scambio di denaro, ma anche per convertire le valute supportate in Libra e viceversa.

Tempistiche incerte

Le tempistiche per il lancio di Libra e di Novi (che seguirà a breve) non sono però state comunicate neanche sul sito dell'azienda. Con questi cambiamenti del resto sia Facebook che la Libra Association stanno ancora cercando di soddisfare le richieste degli enti governativi di tutto il mondo che ancora diffidano delle novità proposte: il processo potrebbe durare ancora a lungo.

27 contenuti su questa storia
Diem, la moneta virtuale di Facebook, potrebbe partire quest'anno
Diem, la moneta virtuale di Facebook, potrebbe partire quest'anno
Anche Vodafone ha abbandonato Libra, la criptovaluta di Facebook è sempre più sola
Anche Vodafone ha abbandonato Libra, la criptovaluta di Facebook è sempre più sola
Zuckerberg fa mea culpa sulla criptovaluta Libra: "Facebook non è il messaggero ideale"
Zuckerberg fa mea culpa sulla criptovaluta Libra: "Facebook non è il messaggero ideale"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni