Covid 19
6 Dicembre 2021
14:23

Come fa la nuova app VeriricaC19 a capire se hai Green Pass o Super Green Pass

Verifica base o rafforzata: da oggi l’app per controllare i Green Pass si può impostare in due modalità, per riconoscere le varianti Super nelle mani dei vaccinati e dei guariti.
A cura di Lorenzo Longhitano
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

A partire da oggi e fino al 15 gennaio entrano ufficialmente in vigore in tutta italia l'utilizzo e la verifica del Super Green Pass, la certificazione verde che permetterà di limitare l'ingresso presso numerose attività soltanto ai vaccinati contro Covid-19 e a chi è già guarito di recente dalla malattia. Chi fa già parte di queste categorie non deve fare nulla per aggiornare il proprio documento; chi si è sempre guadagnato il Green Pass un tampone dopo l'altro, per ottenere la variante Super dovrà finalmente sottoporsi al vaccino. Contestualmente all'entrata in vigore della distinzione è stata infatti aggiornata anche l'app VerificaC19 che negozianti e altri addetti ai controlli utilizzeranno per distinguere le due tipologie di documento in circolazione.

Cosa cambia tra Green Pass e Super Green Pass

Esteticamente infatti Green Pass e Super Green Pass sono identici. Del resto a livello formale sono esattamente lo stesso documento, e quel che cambia è nascosto all'interno di codici digitali impossibili da interpretare a occhio nudo. L'ultimo aggiornamento dell'app VerificaC19 porta però in dote proprio la possibilità di intercettare i Green Pass semplici dalle varianti Super, e di suonare in caso di violazioni. L'informazione in questione del resto è già codificata all'interno del QR Code che compone il Green Pass; lo schema geometrico fatto di quadrati neri e bianchi cela infatti un lungo messaggio di testo che l'app VerificaC19 può leggere a piacimento.

Per salvaguardare la privacy delle persone, sullo schermo dello smartphone appaiono soltanto i dati essenziali del documento scansionato, ovvero il nome e il cognome (per eventuali controlli delle forze dell'ordine) e lo stato di validità del certificato; i dati contenuti nei Green Pass sono però molto più numerosi, e includono anche informazioni che distinguono chi ha un Green Pass da chi ha un Super Green Pass. Il dato in questione è quello legato alla ragione del rilascio, che può essere una avvenuta guarigione, un ciclo di vaccinazioni in corso di validità o un tampone negativo effettuato nel corso delle ultime ore. Per ciascuno di questi scenari il Green Pass immagazzina informazioni come – a seconda dei casi – tipologia e produttore del vaccino, data di guarigione dalla malattia come certificata dall'ATS locale o informazioni su data e tipologia e responsabili del tampone effettuato.

L'interruttore all'interno dell'app

Chi utilizza l'app VerificaC19 può impostarla a seconda dello scenario richiesto. Agli addetti alla verifica sul posto di lavoro e i controllori sui mezzi pubblici ad esempio non servirà un'app che dà l'allarme in presenza di certificati semplici, poiché in azienda e su tram, autobus e treni è ammessa la presenza anche con certificato di tampone negativo; queste persone possono scegliere all'interno dell'app la tipologia di verifica BASE da un pratico menù nella schermata iniziale. A chi lavora ad esempio in un ristorante basta scegliere la verifica RAFFORZATA, che dà esito verde solamente in presenza di un Super Green Pass.

32106 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni