Xbox series X arriverà sul mercato il prossimo 10 novembre. A poco più di un mese dal rilascio, Microsoft ha già inviato una versione d’anteprima della console alla stampa specializzata, che si è dedicata all’analisi del design e delle prestazioni. Un passo che rende più vicina la next-gen, rappresentata da Xbox Series X e PlayStation 5.

Partendo dal lato estetico, il portale Venturebeat sottolinea come Xbox Series X presenti un design elegante, che ben si adatta all’arredamento delle case moderne. Questo almeno se posizionata verticalmente, perché se messa in orizzontale perde parte dell’eleganza data dallo slancio verticale. Dipende molto dalle disponibilità di spazio, dato che la console misura 15,1 x 15,1 x 30,1 cm. Ad ogni modo, le sue forme semplici e monolitiche sono arricchite da particolari rifiniture, come l’incavo nella parte superiore, che presenta una griglia da cui emerge il verde caratteristico del brand Xbox (che non è un LED).

Riguardo al controller di Xbox Series X, all’apparenza non sembra differente dalle versioni precedenti, che comunque restano ottime. La differenza sta tutta nei dettagli e nelle performance. Sensazioni alla mano, il già citato Venturebeat lo definisce come il miglior pad per Xbox di sempre, se non si tiene conto della versione Elite. La presa è più comoda, grazie anche ai materiali di alta qualità. Inoltre, alla pressione, il tasto azione sembra essere più reattivo, mentre le levette sono più morbide. Ma il vero miglioramento riguarda il peso, che è meglio distribuito sulle impugnature.

Una delle caratteristiche più interessanti di Xbox Series X è la capacità di caricamento dell’SSD, cioè l’unità di memoria solida. Sulla console sono stati testati Final Fantasy XV e No Man’s Sky. Il primo ha richiesto 13 secondi, a differenza degli oltre 60 secondi di Xbox One, mentre il secondo 30, a fronte del minuto e 19 secondi necessari sulla console precedente. Altra novità tipica di Xbox Series X è il Quick Resume, cioè la possibilità di tenere aperti più giochi in contemporanea, così da passare da una partita all’altra in poco tempo. Nel caso di cinque titoli avviati, sono necessari meno di 90 secondi.

Ciò rende evidenti le migliori nelle prestazioni: Xbox Series X è molto più potente di Xbox One. Questo si rivela un grande vantaggio soprattutto per i titoli della scorsa generazione, che con la nuova console ottengono dei benefici in termini di framerate, risoluzione e tempi di caricamento. Occorre precisare che quanto riportato sinora non è una recensione, dato che è stato analizzato un prototipo di Xbox Series X riservato alla stampa, ma ciò permette comunque di avere un assaggio concreto della next-gen targata Microsoft.