Da oggi chi compra su Amazon non è costretto a farsi trovare in casa per ricevere la merce che ha acquistato, ma può andarla a ritirare in un negozio fisico vicino a casa. La multinazionale statunitense ha annunciato in queste ore l'arrivo — in Italia e nel Regno Unito — di Amazon Counter, un servizio simile ai punti di ritiro self service di Amazon Locker, ma attraverso il quale i beni ordinati sul portale di ecommerce si potranno far recapitare in un esercizio commerciale e recuperare quando è più comodo.

Amazon Counter: punti di ritiro e beni acquistabili

I punti di raccolta selezionati da Amazon per l'Italia sono i negozi della catena di libreria Giunti e i punti SisalPay e Fermopoint convenzionati, ai quali si aggiungeranno altri esercizi commerciali; in fase di finalizzazione degli acquisti gli utenti potranno semplicemente scegliere il luogo più vicino o comodo da raggiungere per effettuare il ritiro. In realtà non tutti i beni potranno essere spediti nei punti di raccolta della rete Amazon Counter, ma in occasione del lancio del servizio il gruppo ha parlato di milioni di prodotti; la loro eventuale compatibilità con il servizio sarà comunicata in fase di finalizzazione dell'acquisto, tra i metodi di spedizione elencati.

Come funziona Amazon Counter

Il servizio è disponibile sia per le spedizioni standard che per quelle con consegna in un giorno, e per i clienti Prime non comporta costi aggiuntivi. Dopo aver completato l'ordine e scelto il punto di ritiro, l'utente riceve una comunicazione via email che contiene un codice a barre da utilizzare nel negozio scelto come identificativo per il ritiro del pacco. Presentato il codice al commesso, quest'ultimo lo scansionerà e consegnerà la merce acquistata; l'unica condizione da rispettare per ricevere la propria merce senza problemi è ritirarla entro 14 giorni dalla ricezione dell'email.