whatsapp motore bufale

Qualche mese fa nei meandri di una delle versioni preliminari di WhatsApp era stata avvistata la possibilità di condividere su Facebook e Instagram i contenuti generati all'interno della piattaforma di messaggistica sotto forma di status (così vengono chiamate su WhatsApp quelle che su Facebook e Instagram siamo ormai abituati a chiamare Storie). Ai tempi si trattava di una caratteristica potenzialmente in arrivo ma non ancora attivata né tantomento annunciata dagli sviluppatori; ora però la novità è ufficialmente in dirittura d'arrivo, e gli utenti delle versioni beta di WhatsApp stanno iniziando a visualizzare la funzionalità all'interno dell'app.

Come anticipato inizialmente, la funzione interviene al termine della fase di creazione degli status su WhatsApp dando agli utenti la possibilità di esportare il contenuto appena creato sotto forma di Storia su Facebook, ma anche di inviarlo a Instagram o ad app esterne alla famiglia di app del gruppo di Mark Zuckerberg, come Gmail o Google Foto. Il servizio privilegiato per la condivisione resta comunque Facebook, anche se stando a quanto riporta The Verge sembra che la società non abbia intenzione di sfruttare questa funzionalità per creare collegamenti indebiti tra gli account delle due piattaforme.

I più attenti al tema della privacy sapranno che l'azienda è già stata accusata in passato di voler creare profili estesi dei propri utenti collegando le sterminate banche dati dei suoi tre servizi — tanto che in alcuni Paesi le è stato espressamente vietato di farlo. Ecco perché WhatsApp ha tenuto a precisare che quest'ultima funzionalità farà semplicemente uso delle normali opzioni di condivisione interne ad Android e iOS: esportare uno status come storia sul proprio profilo Facebook sarà dunque come caricare un documento all'interno di una missiva di posta, e l'atto non dovrebbe insomma lasciare alcuna traccia nei sistemi di Facebook sull'identità WhatsApp di chi ha caricato il contenuto.