27 Novembre 2017
12:18

Damiano, 17 anni: “La mia vita senza smartphone”. Il messaggio: “Staccatevi dal cellulare e godetevi il bello”

Quella di Damiano è una famiglia numerosa (sette figli, tra i quindici e i ventotto anni) con delle regole ben precise e un clima familiare più che sereno. E tra le regole, ne spicca una. Lo smartphone, per tutti i figli, è bandito fino all’età di (almeno) diciott’anni.
A cura di Enrico Galletti

Sono le tredici, suona la campanella, la scuola finisce e si torna a casa. Un pomeriggio di studio o di svago, in entrambi i casi da trascorrere con i propri amici e a contatto con i compagni di classe. Ci si organizza appena dopo pranzo, in uno dei tanti gruppi WhatsApp di cui tutti, a 17 o 18 anni, fanno parte. Ci si scambiano le consegne dei compiti a casa, ci si organizza per le verifiche orali e molto altro. Il tutto restando rigorosamente connessi online. Ma ci sono delle eccezioni a parlare, come quella di Damiano, uno studente originario del piacentino che frequenta il liceo scientifico a Cremona. La sua è una famiglia numerosa – sette figli, tra i quindici e i ventotto anni – con delle regole ben precise e un clima familiare più che sereno. E tra le regole, ne spicca una. Lo smartphone, per tutti i figli, è bandito fino all'età di (almeno) diciott'anni.

Una regola "inaccettabile" per alcuni ragazzi, ma "giusta" per qualche genitore. E a raccontarcela è proprio Damiano, che di anni ne ha 17. "Vivere senza cellulare non è così impossibile come si potrebbe credere" racconta a Fanpage.it. "Per i miei coetanei non guardare le notifiche dello smartphone ogni dieci minuti è una cosa impensabile. Ma voglio dire a tutti come si può vivere bene anche senza cellulare: ad esempio rispolverando quella antica tradizione di andare a suonare il campanello agli amici". Damiano, per i suoi coetanei, è un esempio. "Fino a qualche mese fa, quando vedevo i miei amici con i cellulari nuovi comprati dai loro genitori, un po' ci rimanevo male. Hanno cominciato a prendermi anche in giro perché io, nonostante la mia età non più da ‘ragazzino', non ne avevo ancora uno. Poi si sono abituati anche loro, come me. E se devono contattarmi per uscire o per organizzare il sabato sera, sanno che possono contare sul numero di telefono fisso della mia famiglia".

Damiano vuole parlare a tutti i ragazzi, per provare a far capire loro che "staccarsi" da quella vita virtuale che si nasconde dentro lo smartphone, non sempre è un limite. Perché in molte situazioni, secondo lui, senza smartphone si può cogliere il bello della vita. "Avete mai provato – chiede il 17enne – ad essere su un treno per un lungo viaggio e a non conoscere nessuno? Ecco. Vi assicuro che essere senza cellulare vi farà compiere lo ‘sforzo' di stringere nuove amicizie. Mentre con il telefono fra le mani, per paura o per vergogna, una persona sta nel suo piccolo mondo. Ma, vi assicuro, si perde davvero molto". Damiano è così convinto che la scelta dei suoi genitori sia vincente, che quando compierà diciotto anni valuterà se comprare uno smartphone oppure no. E senza alcun timore lancia un messaggio a tutti: "Provate a spegnere il cellulare, almeno per un giorno, e cominciate a godervi il bello".

11 anni di iPhone, l'evoluzione dello smartphone di Apple
11 anni di iPhone, l'evoluzione dello smartphone di Apple
103.625 di Storie dal futuro
Come ricaricare il cellulare senza la presa della corrente
Come ricaricare il cellulare senza la presa della corrente
4.149 di ViralVideo
Il cellulare gli cade dall'aereo: un volo da oltre 3000 metri senza che si rompa
Il cellulare gli cade dall'aereo: un volo da oltre 3000 metri senza che si rompa
2.573 di ViralVideo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni