Diciotto anni, liceale, cremonese convinto e appassionato di tecnologia. A dieci anni ho visto una videocamera e una bella giornalista. Mi ha sorriso, ci siamo guardati negli occhi e ho deciso che sarei diventato come lei. Non è vero. In realtà è successo tutto per caso. Ho un debole per le storie, belle o brutte. Le cerco, adoro raccontarle. Provo a scrivere perché è quello che riesco a fare meglio. Mi piace quando da una storia nasce un confronto. Credo nel giornalismo che si schiera vicino alla gente, e che i problemi delle persone prova a risolverli. Mi piace chi i giornalisti li chiama avvoltoi, in effetti mi piacerebbe volare. Ah, a sei anni a Babbo Natale ho chiesto un microfono. C'è rimasto male. Poi ha preso il piccolo chimico, l'ha imballato e l'ha spedito per il reso. enricogalletti7@gmail.com
Pavel Durov, l’eccentrico Mark Zuckerberg russo che fa paura anche a Putin
Così le fake news nascono nei gruppi di Facebook: per combatterle il social raddoppierà i dipendenti
Perché la strage al liceo americano è stata un banco di prova per Snapchat
Giovani, spunta la figura del “back burner”: la relazione nascosta è online
In Islanda non c’è più energia e la colpa è dei Bitcoin
SpotMini, se ad aprirti la porta di casa è un cane robot
A che ora si alza Mark Zuckerberg (e cosa fa durante il giorno)
“Se mi segui ti svelo alcuni segreti”: la nuova truffa agli adolescenti su Instagram
Facebook, cos’è e come funziona il sistema anti-bufale per le elezioni politiche
Dalla coltivazione di banane alla criptovaluta porno: ecco le monete virtuali più strane