“Salve, volevamo assicurarci che avesse ricevuto da Vodafone la comunicazione che dalla prossima settimana la sua linea telefonica subirà un aumento mensile di 12,50€ dovuto al cambio di periodicità della fatturazione”. Comincia così la truffa che sta colpendo decine di clienti Vodafone, con una telefonata in pieno giorno da parte di sedicenti operatori della compagnia telefonica dal logo rosso, che informano di un imminente aumento del piano tariffario della rete fissa. Un aumento giustificato – secondo quanto comunicano gli operatori fasulli – dalla variazione del periodo di fatturazione (passato da 28 giorni alla scadenza mensile). Ma non è vero niente.

L’aumento del contributo mensile, qualora previsto, in seguito alla variazione della periodicità mensile è infatti dell’8,6 percento, mentre il rincaro di 12,50€, in molti casi, corrisponde a più del 50 percento del contributo dell’offerta sottoscritta. I sedicenti operatori Vodafone, nella telefonata ricevuta già da numerosi clienti, danno la possibilità agli intestatari della linea di recedere dal contratto senza incorrere nel pagamento di penali. Dopo la comunicazione dell’aumento in bolletta, però, scatta la domanda: “Se non accetta queste condizioni, che peraltro erano scritte (in piccolo) al momento della firma del contratto, abbiamo la possibilità di farla contattare dall’ufficio tutela consumatori”.

Accettata questa “gentile concessione” il cliente viene ricontattato da un altro operatore. Poi la domanda fatidica: “Se non desidera pagare di più ci fornisca il suo codice di migrazione. La aiuteremo noi a passare a un altro operatore, ovviamente senza penali”. Il codice di migrazione è il passaggio che aiuta a mettere a segno il colpo. Con quel codice, infatti, l’operatore ha la possibilità di farci cambiare gestore, dirottandoci su altre compagnie, facendo leva sul nostro malcontento per l’aumento in bolletta che in realtà è frutto di pura fantasia.

Negli scorsi giorni sono state numerose le telefonate al 190 (il servizio clienti Vodafone) che chiedevano lumi sul raggiro. Sembra, tra l’altro, che qualcuno sia già caduto nel tranello dei finti operatori Vodafone. Il gestore, tuttavia, rassicura: “Nessun aumento di 12,50€ previsto sulla linea di rete fissa. Invitiamo a diffidare da questo genere di comunicazioni, che non rientrano nel nostro stile e sono tanto credibili quanto fasulle”. Un’operazione architettata nel minimo dettaglio, che per molti può essere letale. Il consiglio, come sempre, è quello di verificare con il proprio gestore eventuali comunicazioni di aumenti o di variazioni contrattuali (con un occhio di riguardo alle comunicazioni telefoniche non scritte), per evitare di incorrere in raggiri.