14 Maggio 2015
19:32

Diritto all’Oblio, in un anno Google ha rifiutato il 58% delle richieste

A distanza di un anno Google ha rimosso più di 320 mila link, ricevendo 254 mila richieste di rimozione valutando l’eliminazione di 922 mila link. I casi rifiutati sono il 58,7% del totale. La percentuale dei link rimossi è del 35%, mentre il 15% è ancora in fase di valutazione. 20 mila le richieste di rimozione dall’Italia.
A cura di Francesco Russo

E' passato un anno da quando la sentenza della Corte di Giustizia Europea impose a Google di eliminare il link che riguardava un cittadino spagnolo, Mario Costeja Gonzalez. Da quel momento venne di fatti istituito il "Diritto all'Oblìo". A distanza dunque di un anno Google ha rimosso più di 320 mila link, ricevendo 254 mila richieste di rimozione valutando l'eliminazione di 922 mila link. I casi rifiutati sono il 58,7% del totale. Quindi la percentuale dei link rimossi è del 35%, mentre il 15% risulta essere ancora in fase di valutazione.

Dall'Italia è arrivata una minima parte delle richieste totali, sono in tutto 20 mila mentre la maggior parte delle richieste arriva da Regno Unito, Germania, Francia e Spagna. Gli italiani ancora non si preoccupano abbastanza della loro reputazione online, infatti dal giorno in cui Google ha iniziato a raccogliere le domande di rimozione, sono state 19.126 le richieste inoltrate, inerenti a 65.856 link e il colosso di Mountain View ne ha respinte il 72,4%.

Diverso il caso dei francesi che hanno avanzato oltre 50 mila richieste riguardanti 174 mila link, di cui poi il 48% è stato effettivamente cancellato. I tedeschi hanno inoltrato 43 mila richieste, su 164 mila link, e sono stati accolti nel 48,9% dei casi; gli inglesi 32 mila richieste su 126 mila link, ottenendo risposta positiva nel 37,6% dei casi.

Dando uno sguardo ai siti più colpiti si scopre che è Facebook è il primo con 6.805 link rimossi. Tra gli altri social network, Google+ è al sesto posto con 2.856 link rimossi;  Twitter al nono con 2.572 link rimossi. I link cancellati a video su YouTube sono poco meno di 4 mila.

La principale richiesta di rimozione riguarda la privacy (58,7%), segue poi la diffamazione (11,2%), poi l'immagine (4%), appropriazione illecita di identità. E poi tutte le altre.

Francia, Google dice no al diritto all'oblio fuori dall'UE
Francia, Google dice no al diritto all'oblio fuori dall'UE
Privacy e diritto all'Oblio: possibile la modifica dello snippet in casi particolari
Privacy e diritto all'Oblio: possibile la modifica dello snippet in casi particolari
Privacy, Google si adeguerà alle misure richieste dal Garante
Privacy, Google si adeguerà alle misure richieste dal Garante
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni