5 Febbraio 2013
11:22

DownLoadZoneForum addio, la Guardia di Finanza chiude il portale di video e musica pirata

Il sito contava più di un milione di iscritti, nel 2012 aveva totalizzato oltre 130 milioni di visualizzazioni. Sotto accusa il servizio di intermediazione tra gli utenti e le piattaforme di hosting.
A cura di Angelo Marra

Anche DownLoadZoneForum finisce sotto la scure delle autorità, sempre più impegnate nella lotta pirateria informatica. Le Fiamme Gialle infatti sono intervenute per porre fine all'attività di uno dei siti di condivisione di files più cliccati nel nostro Paese, oltre 20 milioni di visitatori solo lo scorso anno e più di 130 milioni di pagine visitate. A differenza di altri siti celebri come Megavideo, DownLoadZoneForum non ospitava sui propri server il materiale illegale ma si limitava ad offrire, previa registrazione, il reindirizzamento verso le piattaforme di storage, quasi sempre straniere, su cui erano caricati i files.

Questa attività di intermediazione e gli ingenti guadagni provenienti dalla pubblicità sono finiti però all'attenzione della Gdf di Paderno Dugnano, in provincia di Milano, che ha deciso di procedere con i sigilli e con la denuncia a piede libero dei due amministratori. Ancora presto per stabilire i proventi dell'attività illecita, quel che è certo è che se verranno confermate le accuse i responsabili della piattaforma rischiano la reclusione da 1 a 4 anni ed un'ammenda da 2500 a 15mila euro. Sulle pagine del blog ufficiale della piattaforma ora si legge un messaggio di addio neri confronti degli affezionati utenti: "Downloadzone è stato chiuso dalle autorità. Inutile chiedere cose inutili, i fatti sono questi. Ringraziamo tutti gli user, silver, upper e gold per affetto che ci avete dimostrato in tutti questi anni".

Facebook, Guardia di Finanza nella sede di Milano
Facebook, Guardia di Finanza nella sede di Milano
Abbiamo provato gli occhiali di Facebook e RayBan che registrano video e riproducono musica
Abbiamo provato gli occhiali di Facebook e RayBan che registrano video e riproducono musica
Aaron Swartz, la vendetta di Anonymous
Aaron Swartz, la vendetta di Anonymous
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni