Da settimane ormai gli utenti iPhone non possono più giocare a Fortnite: il popolare sparatutto online è stato eliminato dagli smartphone Apple nel mezzo di un contenzioso tra lo sviluppatore Epic Games e la casa di Cupertino incentrato sulle quote di guadagni che quest'ultima richiede per gli acquisti effettuati all'interno del gioco. La vicenda è finita in tribunale e non si risolverà a breve: tra poche ore o giorni però sarà di nuovo possibile giocare a Fortnite sullo schermo di un iPhone, direttamente all'interno della finestra del browser Safari e grazie al servizio di cloud gaming Geforce Now di Nvidia.

Cos'è Geforce Now

La notizia l'ha data proprio Nvidia, annunciando l'arrivo su iOS della piattaforma di cloud gaming finora disponibile solo su PC, Mac e Android. Come le altre soluzioni di cloud gaming sul mercato, Geforce Now trasmette in streaming sullo schermo degli utenti il flusso video dei giochi supportati; il dispositivo del giocatore deve solo inviare gli impulsi dei comandi, che viaggiando ad alta velocità interagiscono con il gioco in esecuzione a centinaia di chilometri di distanza.

Queste tecnologie sono pensate per permettere di giocare a titoli complessi anche su prodotti poco costosi o non pensati per i videogiochi, come smartphone di fascia media e portatili, ma nel caso di Geforce Now consentiranno di aggirare lo stop a Fortnite imposto da Apple a Epic Games all'interno di App Store. Tra i giochi supportati dal servizio di Nvidia c'è infatti anche il popolare sparatutto, che i giocatori potranno eseguire in cloud per vederlo riprodotto sullo schermo del loro telefono.

Geforce Now infatti non passa dall'App Store. Per quanto la soluzione tecnologica sia complessa, gli sviluppatori di Nvidia sono riusciti a contenerla all'interno di qualcosa sulla quale Apple non ha controllo: un sito web raggiungibile dal browser Safari, che in fase di gioco occupa tutto lo schermo e riproduce solo le immagini dei titoli in streaming. Per il momento non tutti i titoli nel catalogo del servizio sono giocabili su iPhone: dal momento che i server di Geforce Now lavorano sulle versioni PC dei giochi supportati, gli sviluppatori stanno ancora lavorando per tradurre efficientemente i controlli in comandi riproducibili sul touch screen.

Costi e disponibilità

Fortnite fa parte di questo insieme di titoli che va ancora ottimizzato: è già in catalogo, ma sarà compatibile con iPhone tra pochi giorni e si potrà giocare sia con i controlli touch, sia con un controller esterno abbinato via bluetooth al telefono. Il servizio in sé ha un costo standard di 5,49 euro al mese che include accesso prioritario ai titoli in caso di coda e sessioni di gioco illimitate, ma prevede anche una versione gratuita che limita a 1 ora il tempo di gioco a disposizione.