Il suo arrivo era stato anticipato ufficialmente a inizio agosto ma in realtà i fan degli smartphone pieghevoli lo stavano aspettando da mesi, e ora è pronto ad arrivare sul mercato: Samsung Galaxy Z Fold2 5G è stato ufficialmente presentato dal gruppo coreano, si potrà avere per le mani tra pochi giorni e si può già prenotare a partire da oggi. Quella degli smartphone pieghevoli è ancora oggi una categoria di dispositivi controversa: le potenzialità che celano sono enormi, ma i problemi legati a praticità e prezzo di questi dispositivi non si possono ancora trascurare.

Dal punto di vista del prezzo purtroppo Samsung Galaxy Z Fold2 5G non è destinato a cambiare le carte in tavola per il grande pubblico, ma per quel che riguarda le potenzialità della categoria foldable il gadget ha sicuramente qualcosa da dire e si annuncia come un'evoluzione molto interessante del predecessore lanciato ormai nel 2019. e arrivato da noi all'inizio dell'anno.

Più spazio a disposizione

La differenza più evidente e immediata con il primo Galaxy Fold è data dal display esterno del nuovo modello, che ora misura 6,2 pollici di diagonale, occupa tutta la porzione frontale del gadget chiuso e permette di utilizzare il nuovo Z Fold2 5G come un vero e proprio smarpthone. Anche all'interno però il gadget è cambiato: l'ampio schermo principale pieghevole da 7,6 pollici di diagonale ora vanta cornici più sottili e soprattutto si è liberato del vistoso notch che nel primo Galaxy Fold ospitava le fotocamere secondarie. L'unico sensore deputato agli autoscatti in modalità tablet ora è una unità da 10 Mpixel con obbiettivo integrato in un foro nello schermo, praticamente invisibile.

Il tutto in dimensioni comparabili a quelle del primo Fold. Da chiusa, questa seconda edizione misura infatti 15,9 x 6,8 x 1,68 centimetri, e riesce a stare con relativa tranquillità anche nelle tasche dei pantaloni.

La nuova cerniera

Samsung ha annunciato migliorie significative anche per quel che riguarda il meccanismo di chiusura del prodotto, che nel primo Fold aveva procurato non pochi problemi all'azienda. In Galaxy Z Fold2 5G la cerniera sottostante il pannello pieghevole è stata completamente riprogettata a due scopi: da una parte risultare più resistente a piegamenti e impermeabile all'ingresso di particelle di polvere e dall'altra poter rimanere fissa in posizione per lasciare lo schermo piegato all'angolazione desiderata.

Android riprogettato

Poter piegare lo schermo a ogni angolazione rende l'ibrido più utile grazie anche a numerose modifiche che Samsung ha fatto al sistema operativo Android per trarre vantaggio dall'unicità del suo dispositivo. Galaxy Z Fold2 5G si può ad esempio utilizzare come un minuscolo laptop utilizzando uno dei due pannelli come tastiera; nelle app multimediali uno dei due pannelli si può utilizzare come piedistallo poggiato su una superficie piana mentre la relativa porzione di schermo visualizza i controlli e la rimanente parte del display mostra il video o l'album in riproduzione; nella fotocamera una delle due metà dello schermo mostra la foto appena scattata e i controlli per l'otturatore, mentre l'altra visualizza il mirino elettronico.

In generale, ovunque ha potuto, Samsung ha tentato di impreziosire l'interfaccia di Android con app proprietarie e modifiche utili a sfruttare al massimo l'ampio schermo e la possibilità di piegarlo. Il display principale può ospitare fino a tre app in contemporanea che in alcuni casi possono passarsi appunti e immagini semplicemente trascinando gli oggetti desiderati da una finestra all'altra, come su un computer. Delle utili scorciatoie impostabili a piacimento possono aprire in contemporanea due o più app già affiancate per iniziare a lavorare con tutte le informazioni necessarie davanti agli occhi.

Componenti di punta

A muovere tutto in modo fluido ci pensano le componenti all'interno del dispositivo: in Galaxy Z Fold2 5G sono al lavoro un potente processore di ultima generazione coadiuvato da 12 GB di RAM per gestire al meglio i rapidi passaggi tra più app in esecuzione in contemporanea e lo scambio tra l'uso del display esterno e quello principale, insieme a tutto il meglio che il gruppo coreano ha ultimamente saputo integrare nei propri smartphone di punta come ad esempio la tripla fotocamera principale, che ora può essere utilizzata anche per i selfie tenendo il dispositivo aperto e lo schermo secondario puntato contro il soggetto.

Chiudono il cerchio un sensore di impronte digitali laterale, una batteria da 4.500 mAh con ricarica rapida e wireless anche inversa, 256 GB di veloce memoria UFS 3.1 un sistema di due altoparlanti stereo posizionati sotto al display pieghevole e un modem 5G integrato, per garantire velocità di connessione senza pari anche in futuro, quando le reti di nuova generazione saranno realtà ovunque.

Un prodotto per pochi

Con Galaxy Z Fold2 5G Samsung sembra essere intervenuta su tutte le criticità del primo modello utilizzando l'esperienza acquisita dalla sua messa in commercio e dalla realizzazione del compatto Z Fip. Se il primo prodotto della serie è stato raccontato come imperibile perché il primo in assoluto sul mercato, questo potrebbe però risultare un acquisto più utile e sensato.

Il problema resta sempre il prezzo: disponibile a partire dal 18 settembre nelle colorazioni Mystic Black e Mystic Bronze, Galaxy Z Fold2 5G costa la bellezza di 2.050 euro. Il costo è in linea con quello del predecessore al momento del lancio ma, per quanto questo nuovo modello si annunci più maturo e interessante, resta dedicato a chi è estremamente intenzionato all'acquisto oppure estremamente facoltoso e curioso.