27 Gennaio 2014
15:19

Facebook non è in crisi, il social network continua ad essere la prima fonte di traffico

Ultimamente si parla molto di Facebook in relazione al calo di utenti, tra i più giovani soprattutto, e del possibile esodo, così come spiegato dallo studio dell’Università di Princeton. Ma il report di Shareaholic ci conferma che è sempre Facebook la prima fonte di traffico referral.
A cura di Francesco Russo

Shareaholic, piattaforma di monitoraggio del traffico web e social media, ha diffuso in questi giorni i dati relativi al traffico referral dai social media nel Q4 2013, ossia l'ultimo trimestre dell'anno scorso. Da questo report, dunque, viene fuori che Facebook rimane incontrastato come prima fonte di traffico, nonostante ultimamente si parli di Facebook in relazione al calo di utenti, specie tra i più giovani, e del possibile esodo così come riportato da un recente studio dell'Università di Princeton. Continua a crescere anche Pinterest che nel terzo trimestre del 2013, Q3, era addirittura riuscito a superare Twitter. Ed è proprio Twitter, in questo ultimo trimestre a perdere terreno, infatti il social network da 140 caratteri, da poco sbarbato anche a Wall Street, perde il 4,3%.

Ma vediamo allora tutti i dati del report, ricordando che Shareaholic rileva questi dati dal monitoraggio di oltre 200 mila siti che ogni giorno raggiungono 250 milioni di persone.

Facebook, Pinterest e StumbleUpon sono quelli che crescono di più. Questi sono i social network che fanno registrare numeri positivi in termini di traffico referral, infatti Facebook cresce del 48,85% e mantiene il suo primato con una quota di traffico del 15,44%; continua a crescere anche Pinterest, +30,06%, con un variazione positiva dell'1,11%; e cresce anche StumbleUpon, di fatto quello che cresce più di tutti in questo trimestre, +54,36%, anche se la sua quota di traffico a Dicembre 2013 è dello 0.86%.

Twitter perde terreno. Dato che forse sorprenderà, ma se lo guardiamo rispetto ai dati dell'ultimo report di Shareaholic, relativi ad un periodo di 12 mesi, da Settembre 2012 a Settembre 2013, Twitter era già in una situazione di calo. In quest'ultimo trimestre perde alla fine il 4,3%, attestandosi ad una quota di traffico dell'1,12%. Resta comunque la terza fonte di traffico referral, ma è già al secondo dato negativo.

Google+ è in ripresa. Il social network di casa Google continua a crescere, stavolta fa registrare un aumento del traffico referral del 18,98%, più del triplo rispetto all'ultimo report di Shareaholic, ma con una quota di traffico solo dello 0,05%, la stessa quota che fa registrare anche LinkedIn (-26,96%). E proprio Google+ e LinkedIn occupano le ultime posizioni di questa classifica a 8.

YouTube in netto calo. Pesante calo in termini di traffico da parte di YouTube, nonostante dalla ultime rilevazioni avesse fatto registrare dati positivi. In quest'ultimo trimestre perde il 34,97%, fermandosi allo 0,19% come quota di traffico.

Insomma, Facebook continua a mantenere il suo primato come fonte di traffico e quindi risulta la prima fonte di traffico. Nonostante tutto, Facebook è il più grande social network della rete e lo sarà ancora per molto. Positivo il dato relativo a Pinterest che sta continuando la sua crescita, sta apportando modifiche importanti e continuerà ad attrarre nuovi utenti e quindi nuovo traffico. Da monitorare, come sorvegliato speciale, è Twitter che deve necessariamente recuperare terreno nonostante sia la terza fonte di traffico. Ma dati i numeri avrebbe dovuto essere avanti a Pinterest e non il contrario. Vedremo cosa succederà nei prossimi mesi.

Facebook, il successo del social network finirà nel 2017
Facebook, il successo del social network finirà nel 2017
Facebook, ecco i primi utenti a registrarsi al social network
Facebook, ecco i primi utenti a registrarsi al social network
Facebook, uno studio evidenzia le migrazioni degli utenti del social network
Facebook, uno studio evidenzia le migrazioni degli utenti del social network
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni