12 Gennaio 2012
18:01

Fondo Italiano di Investimento e Start up: il matrimonio è ormai prossimo

Il Fondo italiano di investimento apre le porte alle start up. A partire dalla prossima settimana, Gabriele Cappellini -amministratore delegato della società fondata nel 2010- presenterà alla Banca d’Italia le modifiche regolamentari che danno al Fondo la possibilità di investire in Start up, modifiche già approvate dal consiglio d’amministrazione.
A cura di Anna Coluccino

Il Fondo Italiano di Investimento ha deciso di sottoporre alla Banca d'Italia modifiche al regolamentano che consentano alla società di iniziare a investire anche in start up. Fino a oggi, infatti, il Fondo aveva la possibilità di investire esclusivamente in aziende che avessero già fatturato un minimo di dieci milioni di euro (e un massimo di cento milioni); regola che -nella pratica- escludeva pressoché tutte le aziende in fase di start up.

Il Fii è una società di gestione e risparmio nata nel 2010 allo scopo di investire capitale di rischio all'interno di piccole e medie impresa (con eccezione della realtà finanziarie e immobiliari), ambito nel quale Marco Vitale, presidente del Fondo, non esita a rilevare il difetto tutto italiano di anteporre gli interessi familiari a quelli aziendali. E forse proprio alla luce di considerazioni come questa che il Fondo ha deciso, oggi, di affrontare e tentare di risolvere un altro dilemma tutto italiano, ovvero il terrore dell'investimento in realtà non consolidate. La novità non è un concetto ben visto dalla maggior parte degli investitori nostrani, i quali -in antitesi con la loro stessa natura– preferiscono rischiare il meno possibile.

O -almeno- questo è quel che abbiamo avuto modo di constatare fino a oggi. Tanto che, proprio nelle ultime settimane, vi abbiamo mostrato come l'Italia si sia piazzita -ancora una volta, drammaticamente- agli ultimi posti in Europa per quota di investimenti venture capital pro capite.

Ma, a quanto pare, qualcosa si muove nel cuore degli investitori del Bel Paese, tanto che il presidente del Fondo -Marco Vitale- nell'analizzare il primo anno di attività del fondo, ha dichiarato al Sole 24 Ore: "In questo primo anno abbiamo dovuto rinunciare a proposte di investimento in star up molto interessanti. Ci siamo resi conto che nel Paese c'è un dinamismo nell'avvio di nuove imprese che dieci anni fa non c'era". E una volta constatata l'esistenza di questa vivacità imprenditoriale, Vitale e i suoi non se la sono sentita di lasciare che tutto questo entusiasmo si riversasse necessariamente altrove al fine di trovare soddisfazione o che, peggio, si spegnesse nell'indifferenza.

Ecco perché il Fondo Italiano di Investimento (che vede la partecipazione del Ministero dell'Economia e delle Finanze, della Cassa Depositi e Prestiti S.p.A, dell'Associazione Bancaria Italiana, della Confederazione Generale dell'Industria Italiana, dell'Intesa Sanpaolo S.p.A., della MPS Investments S.p.A. e dell'UniCredit S.p.A., tutti con un proprio 14.3%) ha deciso di far approvare al proprio consiglio di amministrazione le modifiche regolamentari necessarie affinché il Fondo potesse investire anche in start up.

Certo, l'investimento non potrà superare i 50 milioni di euro che -come fa notare il Sole  24 Ore- sono ben poca cosa rispetto al miliardo e duecento milioni di dotazione iniziale, e lo sono ancor di più se si considera il genere di impegno economico che alcune start up richiedono per andare pienamente a regime, ma intanto qualcosa si muove e -come si suol dire- sempre meglio di niente.

Il Fii, in questi primo periodo di attività, ha già speso quattrocentodiciassette milioni di euro, ovvero il 38% del capitale iniziale, e l'impegno è quello di impegnare per intero la dotazione iniziale entro i primi tre anni di attività.

Insomma, qualcuno comincia ad accorgersi che esiste il venture capitalism, che esistono le start up e che sarebbe ora di scommettere sulle vie nuove invece di continuare a battere le vecchie. Talvolta, seguire pedissequamente i principi di cautela e minimo rischio non paga. Oggi meno che mai.


"Vulcanica - Mente": le start up napoletane si incontrano [REPORTAGE]
"Vulcanica - Mente": le start up napoletane si incontrano [REPORTAGE]
Jobrapido venduta a DMGT per 30 milioni di euro, successo della startup italiana
Jobrapido venduta a DMGT per 30 milioni di euro, successo della startup italiana
Venture Capitalist in Italia, il dibattito accende la rete
Venture Capitalist in Italia, il dibattito accende la rete
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni