Opinioni
6 Luglio 2016
10:40

Giappone, chiuso il primo festival di porno in realtà virtuale: troppa affluenza

L’adesione alla prima manifestazione dedicata al porno in realtà virtuale è stata talmente elevata da costringere l’organizzazione a chiudere l’ingresso alla fiera per evitare problemi di sicurezza.
A cura di Marco Paretti

Se la febbre per la realtà virtuale è ormai ai massimi storici, quella per il porno in realtà virtuale sembra essere solo l'inizio dell'esplosione di un fenomeno in grado di superare persino il successo della tecnologia su cui si basa. Non a caso i portali di contenuti pornografici, Pornhub in testa, si sono lanciati quasi immediatamente nel campo ricevendo un feedback nettamente positivo. Lo stesso ricevuto a Tokyo in occasione della prima manifestazione dedicata al porno in realtà virtuale nella quale provare soluzioni tecnologiche, accessori e gadget dedicati al sesso virtuale. L'adesione è stata talmente elevata da costringere l'organizzazione a chiudere l'ingresso alla fiera.

Una scelta inevitabile a causa della folla di persone che si sono presentate davanti ai cancelli del congresso, bloccando un intero quartiere e mettendo a rischio la sicurezza dei visitatori. Così il festival ha avuto vita breve, nonostante il suo successo dovuto soprattutto alle molte tecnologie presenti, oltre che all'indubbio appeal dei contenuti pornografici in realtà virtuale. Un elemento dedicato non solo ai single ma anche a chi deve sostenere una relazione a distanza: attraverso realtà virtuale e accessori connessi tra loro i due partner possono interagire in maniera "piccante" nonostante la lontananza.

Si parla quindi dei principali visori – Samsung Gear VR, Oculus Rift e HTC Vive – oltre ad accessori che "automatizzano" il piacere personale. Come Men's SOM, una mano robotica che può svolgere il lavoro sporco al posto nostro, o una serie di guanti e accessori che riproducono la sensazione tattile del corpo femminile. Sono persino presenti bambole interattive che possono coordinarsi con il filmato in realtà virtuale. Strambo? Forse, fatto sta che l'attenzione a Tokyo si è rivelata altissima e ha costretto gli organizzatori a chiudere le porte della manifestazione a causa della troppa affluenza.

Ecco come sarà Facebook in realtà virtuale
Ecco come sarà Facebook in realtà virtuale
Regno Unito, un'operazione chirurgica sarà trasmessa in realtà virtuale
Regno Unito, un'operazione chirurgica sarà trasmessa in realtà virtuale
Twitter apre una divisione per la realtà virtuale
Twitter apre una divisione per la realtà virtuale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni