28 Giugno 2016
18:12

Google mostrerà i testi delle canzoni nei risultati di ricerca

Grazie alla collaborazione con LyricFInd, Google sarà in grado di mostrare i testi delle canzoni direttamente nei risultati di ricerca, posizionandoli prima di tutti gli altri collegamenti esterni.
A cura di Marco Paretti

Se, come molti, siete soliti cercare i testi delle vostre canzoni preferite su Google, una nuova funzionalità introdotta dal motore di ricerca renderà molto più semplice l'individuazione del testo corretto. Grazie alla collaborazione con LyricFInd, infatti, Big G sarà in grado di mostrare i testi delle canzoni direttamente nei risultati di ricerca, posizionandoli prima di tutti gli altri collegamenti esterni. In maniera simile, quindi, a quanto avviene con i servizi proprietari di Google, per esempio quelli dedicati alle mappe, alle recensioni dei locali o ai widget.

Lo scorso lunedì LyricFind ha annunciato che i testi di oltre 4.000 produttori musicali saranno aggiunti ai risultati di ricerca di Google e al servizio di streaming musicale Google Play Music. I dettagli dell'accordo non sono stati divulgati, ma il CEO della start-up, Darryl Ballantyne, ha spiegato che la partnership porterà nella casse di autori ed editori "milioni di dollari" in ricavi. "Si baserà sull'utilizzo" ha spiegato durante un'intervista a Bloomberg. "I diritti saranno pagati in base al numero di volte in cui il testo viene visualizzato. Più viene visto, più gli editori saranno pagati".

La nuova funzione è attualmente attiva solo negli Stati Uniti, ma LyricFind è già in possesso di tutte le licenze necessarie a mostrare i testi in tutto il mondo, quindi la novità potrebbe presto raggiungere anche altri paesi, Italia compresa. LyricFind, start-up basata a Toronto, possiede i diritti sui testi dei maggiori editori musicali, inclusi Universal Music, Sony, ATV, Warner, Chappell Music e Kobalt. Una volta selezionato il testo dai risultati di ricerca, per leggerlo tutto Google rimanda ad una pagina dedicata che, oltre a consentire la lettura delle "lyrics", promuove i suoi servizi musicali, dalla radio gratuita al pacchetto musicale in abbonamento. Questa scelta, però, potrebbe mettere in grande difficoltà la concorrenza, come l'app e sito per l'individuazione automatica dei testi Musixmatch.

"Google è razzista": polemica sulle immagini dei risultati di ricerca
"Google è razzista": polemica sulle immagini dei risultati di ricerca
Su Google non ci sarà più la seconda pagina dei risultati di ricerca
Su Google non ci sarà più la seconda pagina dei risultati di ricerca
Google, il motore di ricerca introduce i versi degli animali
Google, il motore di ricerca introduce i versi degli animali
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni