29 Luglio 2011
12:00

Google premia BISMark, progetto italiano: per “la neutralità della rete”

L’unico progetto europeo selezionato per la competizione dell’Autorità Garante americana (FCC) per l’Open Internet, nasce da un progetto dell’Università di Napoli Federico II in partnership con l’Università americana di Atlanta; adesso è finanziata e sostenuta anche da Google!
A cura di Vito Lopriore

Il progetto BISMark nasce da una iniziativa congiunta tra l’Università Federico II di Napoli e l’istituto americano del Georgia Tech di Atlanta: il sistema è open based e permette di misurare la performance delle connessioni di rete, server e servizi connessi, attraverso cui si realizza la connessione a Internet da ogni punto del mondo. BISMarck dunque può essere usato anche come banchmark per valutare l’efficienza della connessione, lo stato della banda larga e la fruibilità del servizio da parte di aziende, individui e amministrazioni pubbliche.

Il progetto dei ricercatori napoletani e americani è piaciuto a Google, tanto da scriverne sul blog corporate riportando l’importanza del sistema, rispetto a quelli precedenti, e tutti i link per usare direttamente il tool e farlo funzionare sul proprio router. Questa è una buona possibilità per gli users o le aziende interessate alle perfomance, e a tutti gli eventuali bug di connessione, misurazione della latenza e capacità di rete. Il business di alcune aziende, specialmente quelle che si occupano di retail online, può dipendere da una corretta gestione e funzionamento della rete. BISMark (the Broadband Internet Service BenchMARK) misura dunque anche il servizio offerto dal provider della connessione.

“La rete? Il luogo in cui la trasparenza si fa reale”
Pierre Lévy

La policy del gigante di Mountain View per un Internet aperto e libero

Google ha diffuso i link a cui è possibile scaricare, per un numero ampio di utenti ma selezionato in base a criteri logistici e finanziari, il pacchetto per monitorare la propria rete a questo link, oppure per i più esperti ed impazienti l’azienda leader nel search consiglia: BISMark package. BigG conferma l’interesse per questo software che consente, a differenza di altri già esistenti che monitoravano solo il computer singolo dell’utente, la misurazione del router principale su cui funziona la connessione, in una casa come in un ufficio ecc. Dunque, specificano, non solo sarà possibile monitorare le perfomance continuamente nel tempo ma anche i problemi causati dall’ISP (Internet Service Provider) sulla connessione.

Il team di BISMark ha messo anche a disposizione una dashboard che permette agli users di accedere al dettaglio di tutte le informazioni registrate delle performance dell’ISP. Una volta collegato il BISMark router al modem iniziano le rilevazioni, la piattaforma è open source e tutte le informazioni raccolte saranno disponibili su un dominio pubblico. Questo progetto rappresenta un vero caso di eccellenza della ricerca scientifica e informatica italiana, ricordando che il team è stato creato dal prof. Antonio Pescapè, membro del gruppo di ricerca COMICS del Dipartimento di Informatica e Sistemistica dell’Università di Napoli.

Il progetto, realizzato dai due ricercatori napoletani dell’Ateneo Federiciano Antonio Pescapè e Walter de Donato con un team della Georgia Tech di Atlanta, è l’unico progetto europeo selezionato per la competizione dell’Autorità Garante americana (FCC) sulla “Open Internet”. Per garantire la libertà della rete è necessario che ci siano sistemi che vigilino sulle policy e sulle prestazioni offerte dai servizi (VoIP, Videoconferenza, IPTV) offerti dai  provider e anche se sono in linea con il contratto di fornitura. Affinchè non ci sia censura sui contenuti e le informazioni possano trasferirsi in maniera libera in rete, è necessario controllare che un provider non stia bloccando un software peer to peer, per esempio, o un servizio VoIP  − magari per difendere il proprio o qualche altro interesse – oppure rallentando la connessione di qualche startup per favorire un monopolista; questo è un passo fondamentale verso la net neutrality. Il web è uno strumento di libertà straordinario, Pierre Lévy lo ha definito “Il luogo in cui la trasparenza si fa reale”, e per poterlo sfruttare appieno gli internauti hanno bisogno anche di strumenti come BISMark.

Google ha già investito più di 1 milione di dollari e altri è disposta a spenderne per nuovi progetti innovativi di tecnologia come questo.

BISMark, progetto italo-americano che misura la banda larga
BISMark, progetto italo-americano che misura la banda larga
Google pronta a portare la rete da 1Gbps in Europa
Google pronta a portare la rete da 1Gbps in Europa
Alleanza tra Google, Paginegialle, Register e Poste Italiane per le PMI
Alleanza tra Google, Paginegialle, Register e Poste Italiane per le PMI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni