bug dark mode tema scuro whatsapp attivare trucco

Il tema scuro di WhatsApp era una delle novità più attese dagli utenti della piattaforma di messaggistica, e in queste ore sta facendo finalmente il suo debutto ufficiale sugli smartphone Android e iOS. La nuova modalità è stata collaudata per mesi nelle versioni beta delle due app, ma evidentemente i test preliminari non hanno impedito agli sviluppatori di rendersi conto di un problema non di poco conto: lo schema di colori utilizzato impedisce a molti daltonici di distinguere i propri messaggi da quelli degli interlocutori.

La denuncia è arrivata via Twitter dalla comunità di WABetaInfo, che ha pubblicato la segnalazione di un utente trovatosi faccia a faccia con il problema dopo che quest'ultimo ha tentato invano di contattare il supporto tecnico di WhatsApp. Al cinguettio di WABetaInfo hanno risposto diversi utenti nella stessa situazione: lo schema di colori utilizzato nel tema scuro di WhatsApp prevede un verde petrolio per i messaggi inviati e una tonalità più simile al grigio per i messaggi ricevuti, ma il discostamento tra le due cromie sembra non essere sempre sufficiente a distinguerle.

Trattandosi di segnalazioni spontanee a ridosso di un tweet pubblicato da un soggetto non ufficialmente affiliato a WhatsApp, non è chiaro quale sia la percentuale di utenti daltonici che soffre effettivamente di questo questo problema con il tema scuro dell'app, ed è pur vero che le due categorie di messaggi si distinguono facilmente per il fatto che quelli inviati sono incolonnati a destra mentre quelli ricevuti risiedono a sinistra. È pur vero però che tutti dovrebbero essere in grado di utilizzare l'app nello stesso modo — il che include poter distinguere i messaggi in arrivo da quelli inviati con un semplice colpo d'occhio.

Una soluzione a questo problema per chi ne è affetto può essere quella di recarsi nelle impostazioni del telefono relative all'accessibilità e attivare — se presente — le funzionalità dedicate alle correzioni del colore per deuteranomalia, protanomalia o tritanomalia.