instagram influencer

Perdere l'accesso al proprio profilo su un social network per colpa di un hacker è una seccatura e a volte anche un danno economico: vale per gli account di piccoli e grandi influencer, per quelli degli esercizi e delle attività commerciali ma anche per i profili degli utenti comuni. Per questo motivo a tutte queste categorie Instagram ha dedicato il lancio di due nuove opzioni per il recupero degli account persi dopo operazioni di hackeraggio: l'invio di uno speciale codice di ripristino a dei contatti di riferimento fidati e il blocco temporaneo del nome utente per impedire che dopo aver perso il proprio account si rischi di perdere anche il contatto con i propri follower. Entrambe saranno a disposizione a breve sulle versioni per Android e iOS dell'app.

Instagram a prova di hacker

La prima soluzione di emergenza si attiva in caso l'utente non riesca più ad accedere al suo account. Sbagliando password più volte di fila o premendo esplicitamente sul tasto per la richiesta di aiuto, il social chiede di rispondere a una serie di domande come l'indirizzo email o il numero di telefono associati al profilo, oppure quelli utilizzati al momento della registrazione; tutto avviene all'interno dell'app, senza dover passare dal team di revisori umani del social. Se le risposte sono esatte, il sistema invia un codice di sblocco a uno o più contatti fidati tra quelli indicati in precedenza, che possono poi comunicarlo all'utente affinché possa recuperare l'accesso alla sua pagina. Una volta reimpostata la password, Instagram revoca la validità agli altri codici temporanei inviati fino a quel momento.

Niente più nomi utente persi

La seconda soluzione è pensata per proteggere gli utenti colpiti da tentativi di furto di identità, ovvero quando un hacker acquisisce il controllo di un profilo per sfruttare le foto e le informazioni contenute all'interno, cambiando nome utente all'intero account. In questi casi — oltre al danno diretto scaturito dall'operazione di hackeraggio — il nome utente originale rimane senza più un proprietario, e rischia di essere richiesto e di conseguenza occupato da altre persone; la nuova funzionalità impedisce questo tipo di operazione, mantenendo bloccati per un periodo di tempo i nomi utente liberati improvvisamente e dando modo ai proprietari di riprenderne possesso nel caso in cui il cambiamento fosse dovuto a un illecito.