Non si interrompono gli sforzi di Instagram nel tentativo di rendere la propria piattaforma più piacevole da frequentare. In questi giorni gli utenti Italiani stanno iniziando a sperimentare la sparizione del conteggio dei like sotto alle foto altrui, ma negli Stati Uniti e presto in tutto il mondo stanno debuttando due novità pensate per contrastare le attività sul social di bulli, violenti e in generale di chiunque ne violi le regole: un cambio di passo che prevede la sospensione degli account segnalati più volte in un lasso di tempo ristretto, e un messaggio di avviso che avverte chi pubblica questi contenuti di essere molto vicino a un provvedimento del genere.

Nel momento in cui i sistemi del social intercetteranno un post contro le regole (grazie alla segnalazione degli utenti o grazie ai nuovi sistemi machine learning pensati per filtrarli in partenza) un avviso sull'app avvertirà l'autore, indicando qual è il contenuto incriminato, evidenziando un pratico collegamento al regolamento del sito e — in caso la violazione sia reiterata — visualizzando un elenco dei comportamenti scorretti rilevati in precedenza in una sorta di diario delle nefandezze. Chiuderà la comunicazione la minaccia finale di cancellare account, post, archivio, messaggi e follower dalla banca dati del sito.

In questo modo Instagram sarà più libera di usare il pugno duro contro chi pubblica contenuti violenti, che incitino all'odio o che in generale violino le regole del social. Intanto infatti, grazie al sistema di avvisi, prima di sospendere o cancellare un account darà modo a chi le viola di rendersi conto delle proprie azioni ed eventualmente tornare a utilizzare toni accettabili all'interno di uno spazio pubblico; inoltre il processo darà modo a chi pensa di non essere nel torto di richiedere un'ulteriore revisione dei contenuti segnalati, direttamente dall'interno dell'app e non più dalla pagina web.