26 Ottobre 2021
12:01

Jeff Bezos costruirà una stazione spaziale privata per turisti e ricercatori

“Orbital Reef” affitterà gli spazi interni e ospiterà al massimo 10 persone, che potranno girare film in microgravità, svolgere ricerche e rilassarsi, come se fossero in un hotel. La struttura verrà costruita con l’aiuto di Sierra Space e Boeing entro il 2030 e sarà ampia circa 2790 metri quadrati.
A cura di Ivano Lettere

Sarà ampia circa 2790 metri quadrati, i lavori verranno ultimati entro il 2030 e richiederà ingenti risorse economiche. Una variabile, quest'ultima, che però non sembra preoccupare il proprietario e fondatore della Blue Origin Jeff Bezos, che nelle scorse ore ha annunciato il suo nuovo progetto: "Orbital Reef", una stazione spaziale privata. Per la sua realizzazione, la società americana collaborerà con Sierra Space e Boeing e, secondo il materiale promozionale, si tratterà di un "business park a uso misto" che potrà ospitare fino a 10 persone.

A cosa servirà

Beneficiando anche dei finanziamenti miliardari del magnate americano, la struttura, non appena ultimata, affitterà gli spazi al suo interno per svolgere attività diverse: girare film in condizioni di microgravità, condurre ricerche all'avanguardia e ospitare chi voglia rilassarsi in un hotel spaziale. Le utenze e i servizi necessari per il sostentamento all'interno dell'Orbital Reef verranno venduti: in questa categoria rientrano l'alimentazione, la sicurezza fisica, le comunicazioni ad alta larghezza di banda, l'assistenza robotica e tecnica e la logistica.

I rapporti con la NASA

La carrellata di successi della Blue Origin sono sotto gli occhi di tutti (ultimo il lancio del razzo New Shepard), ma non sono pochi i grattacapi con cui ha dovuto fare i conti. Ad agosto, per esempio, il fondatore di Amazon ha fatto causa alla NASA, per aver assegnato a SpaceX, l'azienda rivale di Elon Musk, il contratto da 2,9 miliardi di dollari per l'installazione di un modulo lunare: lo scopo di quest'ultimo consiste nel riportare gli astronauti sul satellite terrestre per la prima volta dopo il 1972. Il proprietario di Blue Origin non ha digerito la scelta fatta dall’agenzia spaziale, che ha deciso di escluderlo nonostante Bezos avesse rinunciato ai 2 miliardi di finanziamento per metterli di tasca propria.

A questo affronto, che ha sancito una sconfitta nell'eterna lotta tra i due miliardari che si contendono il mercato spaziale, va aggiunto il "clima tossico e sessista" denunciato da alcuni dipendenti della compagnia, le cui testimonianze sono state raccolte dal Washington Post. Nei documenti, letti e pubblicati dal quotidiano americano, si parla addirittura di una dirigenza "completamente alienata dai dipendenti. Disfunzionale, paternalistica e demoralizzante, che rallenta i progressi del gruppo".

Jeff Bezos è andato nello spazio: il video del viaggio della New Shepard
Jeff Bezos è andato nello spazio: il video del viaggio della New Shepard
78 di Videonews
Il video del volo di Jeff Bezos nello spazio
Il video del volo di Jeff Bezos nello spazio
14.965 di Tecnologia Fanpage
Jeff Bezos prevede colonie galleggianti nello spazio: "Visiteremo la Terra in vacanza"
Jeff Bezos prevede colonie galleggianti nello spazio: "Visiteremo la Terra in vacanza"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni