In mezzo a molti allarmismi non sempre giustificati, c'è un rischio concreto collegato all'imminente attivazione delle reti 5G: alcune delle frequenze sulle quali viaggiano le comunicazioni di nuova generazione sono fin troppo vicine a quelle utilizzate dai satelliti meteorologici per effettuare previsioni sull'intensità e il comportamento degli uragani, e la sovrapposizione può incidere negativamente sulla capacità di questi satelliti di fare il proprio lavoro fino a ritardare eventuali operazioni di evacuazione. Ad accendere i riflettori sul tema sono state in questi giorni due rispettate e qualificate istituzioni statunitensi: la NASA e il NOAA, l'amministrazione nazionale oceanica ed atmosferica che negli USA si occupa tra le altre cose anche di meteorologia e climatologia.

Interferenze dannose

Il problema deriva dallo spettro di frequenze dei 24 GHz, che è tra gli svariati che sono stati messi all'asta negli Stati Uniti per l'utilizzo come parte delle future reti 5G. I satelliti meteorologici scandagliano infatti un tipo di frequenza adiacente per individuare nell'atmosfera microscopiche particelle di vapore acqueo e tracciarne gli spostamenti, poiché il loro comportamento è un elemento chiave che aiuta ad anticipare le mosse di eventuali uragani e riuscire a evacuare in tempo la popolazione che si prevede ne sarà colpita. Purtroppo – denunciano le due agenzie – affollare lo spettro dei 24 GHz provoca interferenze che riducono del 77% la quantità di dati che i satelliti riescono a raccogliere dalle loro osservazioni, abbattendo del 30% l'efficacia delle previsioni e portando a ritardi nelle operazioni di evacuazione che potrebbero costare la vita a molte persone.

In cerca di un accordo

L'allarme non è nuovo, tanto che l'ente di regolamentazione delle comunicazioni statunitense ha già proposto in passato di limitare la potenza di emissione concessa agli apparecchi che operano su quel particolare spettro di frequenze. Per il NOAA però non è abbastanza: "le nostre abilità nel prevedere il comportamento degli uragani tornerebbero di colpo al 1980" ha affermato il numero uno dell'agenzia in un'audizione davanti al Congresso USA "facendoci perdere dai 2 ai 3 giorni sull'anticipo che normalmente abbiamo sull'abbattersi di queste calamità". Al momento però sembra che esperti dei due enti stiano collaborando per tentare di arrivare a una soluzione che preservi gli interessi di tutti.