L'intera corazzata di messaggistica di Mark Zuckerberg non funziona in tutto il mondo. Da diversi minuti le app di messaggistica più utilizzate (più Instagram, che integra i suoi DM) risultano inutilizzabili dall'intera base d'utenza sparsa per il mondo. I problemi tecnici stanno impedendo l'utilizzo degli strumenti a tutti gli utenti: WhatsApp risulta offline, mentre Messenger va a singhiozzo e non invia né consente di leggere la maggior parte dei messaggi. Instagram, invece, non si aggiorna completamente, non consente di visualizzare le storie e non permette di inviare messaggi tramite i DM. Si tratta di una problematica estremamente estesa la cui origine non è chiara. Ma possiamo farci delle idee.

“Nella giornata di oggi, un problema tecnico ha causato agli utenti problemi di accesso ad alcuni servizi di Facebook” ha spiegato un portavoce. “Abbiamo risolto questo problema e ci scusiamo per gli eventuali disagi". Una problematica che rappresenta una delle peggiori e più impattanti degli ultimi anni, avendo colpito la maggior parte dell'impero di Zuckerberg tranne Facebook. Qualche ipotesi, però, possiamo farla, partendo proprio dal fatto che a non essere coinvolto è il social network principale di Menlo Park. Questo indica che i problemi stanno colpendo solamente un'infrastruttura e non l'intero network di Facebook. E proprio le tre piattaforme di messaggistica (inseriamo anche Instagram perché è l'unica che integra social e messaggi) sono al centro dell'unificazione delle loro infrastrutture.

Un processo avviato da diverso tempo e che punta a portare sotto un unico cappello le tre applicazioni, anche per contrastare i tentativi di "spezzare" l'impero di Zuckerberg. È quindi probabile che durante questa difficile fase (che prosegue da diverse tempo e non è ancora terminata) qualcosa sia andato storto e abbia portato a un problema che, appunto, sta colpendo i tre prodotti, lasciando però fuori il social network blu. Per sapere se questo è davvero il caso dovremo però attendere notizie ufficiali dall'azienda, che in breve tempo (si spera) risolverà anche questo intoppo tecnico.