Una multa per chi attraversa la strada guardando lo smartphone e non prestando attenzione alle macchine che stanno transitando. È l'idea del governo lituano, che dal prossimo mese imporrà una multa a tutti i pedoni che attraversano distrattamente la strada guardando il proprio cellulare, anche se l'attraversamento avviene sulle strisce pedonali o se stanno usando lo smartphone per effettuare una chiamata. L'approccio rigido del paese non deve stupire: al di là dell'effettiva distrazione che il cellulare porta in questi casi, la Lituania ha registrato solo lo scorso anno 68 morti causate da distrazioni che hanno portato a investimenti, il terzo dato più alto in Europa.

Così Rokas Masiulis, ministro dei Trasporti e delle Comunicazioni lituano, ha annunciato durante una seduta del governo trasmessa in diretta in tutto il paese che i pedoni non potranno più utilizzare il cellulare mentre attraversano le strade. La nuova legge è stata approvata lo scorso 3 ottobre ed entrerà in vigore a partire dal prossimo mese. A quel punto, chiunque venga individuato ad attraversare la strada distratto dal proprio smartphone si vedrà comminare una multa da 20 a 40 euro, con uno sconto del 50 percento sulla prima infrazione. La nuova normativa prevede anche l'obbligo per i motociclisti di fermarsi quando vedono un pedone in procinto di attraversare le strisce e non solo quando sta già camminando su di esse.

Un approccio deciso dovuto appunto ai molti casi di morte per distrazione, soprattutto se rapportati ai casi degli altri stati europei. La decisione di multare i pedoni, peraltro, non è una novità: lo scorso anno ad Honolulu, la capitale delle Hawaii, è entrata in vigore una legge molto simile che impone una multa di 30 euro per chi scrive o parla al telefono mentre attraversa una strada e di 86 euro per i recidivi.