2 Novembre 2019
11:17

Marvel’s Avengers, la prova in anteprima del videogioco sui supereroi (c’è anche Kamala Khan)

A Lucca Comics and Games 2019 abbiamo potuto testare attraverso due demo Marvel’s Avengers, il nuovo progetto Square Enix incentrato sui supereroi dei comics americani. In particolare, durante un appuntamento a porte chiuse con l’executive producer del gioco Scot Amos, abbiamo testato un nuovo personaggio giocabile, Kamala Khan.
A cura di Lorena Rao

Tra i fenomeni pop più incredibili di questo momento ci sono gli Avengers, i supereroi dei fumetti targati Marvel. Dopo la conquista del cinema, adesso è la volta dei videogiochi, con il titolo Marvel's Avengers, il nuovo progetto di Square Enix, Crystal Dynamics ed Eidos Montreal  – unione già riuscita in quanto ha portato alla rinascita di un'icona come Lara Croft – presentato per la prima volta all'E3 2019. In occasione di Lucca Comics & Games 2019, presso il booth di Koch Media, abbiamo avuto l'opportunità di testare la demo contenente il prologo del gioco, oltre a provare in anteprima assoluta per l'Italia una sezione inedita in compagnia di Scot Amos, executive producer di Marvel's Avengers.

Prima di addentrarci nella novità su cui si è basato l'incontro, ci teniamo a delinearvi meglio l'essenza del titolo a tema Avengers, previsto per PlayStation 4, Xbox One, Google Stadia e PC il 15 maggio 2020. Nel prologo di gioco la città di San Francisco è colpita da un potente attacco terroristico, che vede anche lo zampino di Taskmaster, un cattivo con indosso una maschera di un teschio. Durante questo pericoloso attacco abbiamo vestito i panni di Thor, Iron Man, Hulk, Capitan America e Vedova Nera. Un passaggio di eroi avvenuto in maniera incalzante, adrenalinica, proprio come la tradizione cinematografica ci ha abituati. Tuttavia Marvel's Avengers non è una riproposizione di quanto visto al cinema nella saga degli Avengers, ma è un progetto a sé stante, contraddistinto da una sua natura specifica, ovvero quella di un action-adventure a tema supereroi.

Per questo i volti di "Cap", Vedova Nera e gli altri non sono quelli del celebre Chris Evans o di Scarlett Johansson, ma è un cast separato, basato pur sempre su attori reali, ma non tratti da Hollywood. Una volta assimilata questa distinzione importante, Marvel's Avengers travolge con i suoi ritmi di gioco frenetici e visivamente caotici, volti a fomentare noi giocatori che, attraverso dei semplici comandi, possiamo replicare su schermo gli attacchi devastanti di Hulk, i voli di Iron Man, e così via. Nonostante infatti la frenesia delle situazioni in cui ci siamo imbattuti, i comandi di gioco si assimilano facilmente: il tutto si basa su combo tra attacchi veloci e attacchi pesanti, pur senza dimenticare di parare o evitare gli attacchi nemici. Inoltre, è possibile effettuare delle mosse speciali, che chiaramente rimandano a quelli degli eroi dei fumetti, dagli effetti portentosi.

Accanto agli eroi più simbolici dei vendicatori, Marvel's Avengers offre la possibilità di giocare con altri volti noti del (super)eroismo Marvel, come Kamala Khan. Abbiamo potuto testarla in un appuntamento a porte chiuse in compagnia del già citato Scot Amos. A differenza degli uomini, Kamala è un personaggio molto più leggero e agile, le cui sensazioni sono evidenti tenendo il pad in mano. I suoi attacchi con arti allungabili sono veloci e potenti, e consentono di effettuare combo affascinanti, volte ad enfatizzare il senso di appagamento già notato nella prima demo. Non a caso Amos ci ha chiarito che Marvel's Anvegers cerca di rivolgersi a più giocatori possibili: non solo appassionati Marvel, ma tutti coloro che cercano adrenalina e soddisfazione attraverso personaggi carismatici e ben noti della cultura nerd, e dei comandi facilmente assimilabili che però, allo stesso tempo, consentono diversi approcci negli scontri.

La natura nitida ma varia di Marvel's Avengers è evidente anche nel modo in cui può essere giocato. Essenzialmente il titolo si presenta come un multiplayer cooperativo (o in co-op) con un massimo di 4 giocatori, proprio perché il tema su cui si basa è il valore della squadra, tuttavia può essere goduto tranquillamente in single player, come un'esperienza solitaria. Ad arricchire l'offerta del titolo, sono i vari contenuti sbloccabili, come abilità, costumi personalizzabili e altri personaggi. Basta proseguire nel gioco per dare al nostro supereroe preferito le caratteristiche estetiche e di combattimento che preferiamo. Insomma, a dispetto dell'accoglienza tiepida ricevuta all'E3 2019, Marvel's Avengers si rivela in realtà un titolo interessante, che diverte e soddisfa, grazie a un contesto sì noto nel mondo dell'intrattenimento, ma dotato di una sua natura tipicamente videoludica.

Milan Games Week 2019 apre le sue porte: tutti i videogiochi che puoi provare in anteprima
Milan Games Week 2019 apre le sue porte: tutti i videogiochi che puoi provare in anteprima
Milan Games Week: tra esport e anteprime, Milano diventa la capitale dei videogiochi
Milan Games Week: tra esport e anteprime, Milano diventa la capitale dei videogiochi
196.386 di Davide Arcuri
Rinvio di Final Fantasy VII: cosa può cambiare in un mese? Lo abbiamo chiesto a Massimo Guarini
Rinvio di Final Fantasy VII: cosa può cambiare in un mese? Lo abbiamo chiesto a Massimo Guarini
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni