Similmente a quanto fatto con WhatsApp nel corso degli ultimi anni, ora Facebook ha deciso di limitare il numero di volte in cui è possibile inoltrare un messaggio anche su Messenger, il servizio di messaggistica istantanea legato al social network. A partire da questi giorni, infatti, i messaggi scambiati sulla piattaforma possono essere inoltrati solamente a 5 persone o gruppi alla volta. A partire da questi giorni, infatti, i messaggi scambiati sulla piattaforma possono essere inoltrati solamente a 5 persone o gruppi alla volta.

La nuova funzione è attiva in diverse nazioni del mondo e sta gradualmente raggiungendo anche gli altri paesi, fino a un'attivazione a livello globale che secondo l'azienda avverrà il prossimo 24 settembre. La scelta è dovuta alla volontà di mettere un freno alla diffusione di fake news sulla piattaforma, elementi che spesso passano proprio dalle applicazioni di messaggistica e in particolare dalla possibilità di poter inoltrare un messaggi a migliaia di contatti istantaneamente. Un fattore che aveva già portato WhatsApp a limitare fortemente la possibilità di inoltro e a segnalare chiaramente tutti i messaggi che vengono inoltrati.

L'obbiettivo di Facebook è quello di "rallentare la diffusione della disinformazione virale e dei contenuti dannosi che hanno il potenziale per creare danni nel mondo reale". Un elemento fondamentale in questo particolare momento storico, in cui una fake news può portare a gravi ripercussioni nell'attuale lotta alla pandemia. Per questo già ad agosto il portale aveva avviato un nuovo progetto di fact checking per i messaggi inviati su WhatsApp, mentre ad Aprile l'azienda aveva attivato una limitazione che non consentiva di inoltrare i messaggi virali a più di un contatto alla volta. È ovviamente ancora possibile copiare e incollare il messaggio o inoltrarlo fisicamente a ogni proprio contatto, ma il sistema pensato dalle app di messaggistica rappresenta sicuramente un deterrente importante per la diffusione delle bufale.