Tra i tanti dispositivi tecnologici che vengono inventati e sviluppati ogni anno, la bicicletta elettrica pieghevole è probabilmente la trovata più geniale dell'ultimo periodo. Non più una moda passeggera, ma una vera e propria innovazione di prodotto che si rivolge a un pubblico nuovo, che ha bisogno di un mezzo di trasporto leggero e compatto per effettuare brevi spostamenti in ufficio o in città.

Quello delle e-bike non è solo un fenomeno, ma una realtà affermata, tanto che i grandi marchi di biciclette come Aimado, Valentini, Nilox e altri hanno investito per sviluppare i loro modelli di bicicletta con pedalata assistita. Le biciclette elettriche pieghevoli uniscono poi il comfort di una pedalata senza sforzo e sudore alla tranquillità di poter portare con sè ovunque la bici, evitando i furti. Grazie alla possibilità di ripiegarsi, questi modelli diventano iper compatti e occupano pochissimo spazio, quindi possono essere riposti nel vostro monolocale o sotto la scrivania in ufficio.

Per capire come funziona una bici elettrica pieghevole, cosa la distingue da un ciclomotore e quali sono i vantaggi di una e-bike pieghevole, ecco una guida completa per scegliere il modello più adatto a te, tra proposte economiche e modelli innovativi, come nel caso delle fat bike. Per capire quali sono le caratteristiche da tenere d'occhio nella scelta di una bicicletta elettrica pieghevole metteremo a confronto 10 modelli delle migliori marche disponibili su Amazon con consegna gratuita, tenendo conto anche delle opinioni e recensioni degli utenti.

Come funziona la e-bike pieghevole e perchè acquistarla

Grazie alla presenza di un motore che si attiva durante la pedalata, la bicicletta elettrica permette di avere un supporto quando la si utilizza, ed è quindi più confortevole rispetto a un modello non elettrico. Secondo la normativa vigente, l'e-bike non è considerata un ciclomotore vero e proprio, e quindi non richiede le spese di bollo e assicurazione necessarie per tutti i ciclomotori.

Attenzione, però: questa legge è applicata a bici elettriche con un motore inferiore o uguale a 250W, con una velocità massima di 25 km/h. Le bici elettriche di potenza superiore vengono considerate dei ciclomotori a tutti gli effetti. Se cercate delle biciclette elettriche pieghevoli da 500W oppure fat bike elettriche da 1000W, sappiate dunque che incorrerete nelle spese classiche di manutenzione e gestione di un ciclomotore.

Sono molti i vantaggi della bicicletta elettrica, e in particolare delle e-bike pieghevoli: innanzitutto sono dei mezzi di trasporto economici e non c'è bisogno di nessuna patente per guidarli, poi permettono di evitare il traffico e di circolare anche all'interno delle zone a traffico limitato. Ideali per i brevi spostamenti in città, sono leggere e possono essere trasportate facilmente ovunque, perchè da chiuse hanno delle dimensioni davvero compatte.

Nonostante la presenza del motore, si tratta di mezzi di trasporto a emissioni zero, che non impattano sull'ambiente e sono assolutamente ecologiche; sono molto sicure, hanno costi di manutenzione irrisori e sono allo stesso tempo confortevoli, perchè grazie alla pedalata assistita si evita di sudare e fare troppo sforzo. Ultimo, ma non per importanza, non sarà più necessario preoccuparsi dei furti e dei ladri di biciclette, perchè grazie alle dimensioni iper compatte potrai portare la bici sempre con te.

Le migliori bici elettriche pieghevoli economiche

Un modello top di gamma di bici elettrica pieghevole può arrivare a costare quanto un'automobile di fascia medio-bassa, ma sul mercato ci sono molte proposte economiche che puntano al miglior rapporto qualità prezzo.

Ecco un confronto dei 10 migliori modelli di bici elettriche pieghevoli di fascia media: c'è anche il modello della Fiat e una serie di biciclette elettriche pieghevoli cinesi di ottima fattura che coniugano qualità e giusto prezzo.

All'interno del confronto andremo a evidenziare le caratteristiche tecniche di fondamentale importanza per un buon modello di bici elettrica pieghevole, servendoci per la valutazione anche delle recensioni e opinioni degli utenti che hanno acquistato i diversi modelli su Amazon.

Bicicletta elettrica pieghevole Aimado

Iniziamo il nostro confronto tra i migliori modelli di e-bike pieghevole con la proposta di Aimado, che da chiusa ha una dimensione di 75x35x65 cm.

Questa bici elettrica pieghevole monomarcia ha una potenza di 250W e un motore agli ioni di litio posizionato al centro del telaio, che si può estrarre per ricaricare in modo più facile e veloce. In questa bici sono presenti tre livelli di assistenza della pedalata, regolabili sia in base a quanta attività fisica si vuole fare che in relazione al tipo di strada da percorrere.

Il telaio è realizzato in lega di alluminio, e le ruote da 16 pollici possono supportare un conducente con un peso massimo di 120 kg. Simile a una mountain bike per le sue geometrie, utilizza i freni a disco sia per la ruota anteriore che per quella posteriore, ed è dotata di un piccolo display a LED che permette di conoscere il livello di autonomia della batteria.

Le recensioni degli utenti ne esaltano il buon rapporto qualità prezzo e la potenza del motore anche su strade in salita. Con faro anteriore e luce posteriore, questo modello di bici elettrica pieghevole proposto da Aimado è disponibile online a partire da 667€.

E-bike pieghevole Nilox X1

Tra i modelli di bicicletta elettrica pieghevole più apprezzati in rete ci sono le e-bike di Nilox: questo modello da chiuso misura 85x45x70 cm.

Con motore brushless da 250W, questa bici elettrica pieghevole monomarcia permette di pedalare per circa 25km con la batteria attivata e bastano 3 ore per una ricarica completa; posizionata accanto alla ruota posteriore, la batteria può essere estratta e ricaricata separatamente.

Il telaio è in lega di alluminio, i freni sono di tipo V-brake e le ruote sono di 20 pollici, quindi più grandi rispetto al modello che abbiamo visto in precedenza; questo modello viene già venduto con molti accessori, tra cui il portapacchi, il cavalletto, la luce anteriore a LED, il bike lock e una presa aggiuntiva per ricaricare la batteria anche nel Regno Unito.

Le recensioni degli utenti elogiano il fatto che la bici arrivi già assemblata quasi completamente e la qualità del modello in generale, ma segnalano che con i suoi 20 kg di peso non è il più maneggevole e leggero dei modelli in commercio. È in vendita su Amazon a partire da 469,93€.

Bici elettrica pieghevole Argento Piuma

È un brand tutto italiano, la bolognese Argento, il produttore del modello Piuma, che misura da chiuso 75x45x70 cm e include anche un'assicurazione con copertura danni fino a 5000€.

La batteria Samsung con presa USB promette un'autonomia di 80 km con una carica completa, e può essere estratta dalla bici per essere ricaricata. Il telaio è in alluminio e il manubrio è regolabile in altezza per permettere a tutti di poter guidare la e-bike senza problemi, e le ruote hanno un'ampiezza di 20 pollici.

Si tratta del primo modello che prendiamo in considerazione dotato di un sistema di cambio: per la precisione, questa bicicletta elettrica pieghevole monta un cambio Shimano a 7 velocità, perfetto anche per delle salite ripide. Il display a LED posizionato sul manubrio permette di scegliere tra i 3 livelli di assistenza alla pedalata, oltre che di accendere e spegnere le luci e il motore.

Le recensioni degli utenti che hanno già acquistato questa bici elogiano la qualità dei materiali, l'ammortizzazione e le sospensioni; questo modello è disponibile online a partire da 833,41€.

E-bike pieghevole iBike iFold

La bicicletta di iBike è uno dei modelli più apprezzati e acquistati dagli utenti in rete e non, grazie alle buone prestazioni e nonostante pesi 24 chili, non poco per un modello pieghevole.

Il motore brushless da 250W è posizionato all'interno del telaio, interamente realizzato in alluminio; si tratta di un modello monomarcia, senza cambio, che monta ruote pneumatiche da 20 pollici. La batteria agli ioni di litio ha un'autonomia di circa 30 km, ed è possibile scegliere tra tre livelli di assistenza per la pedalata assistita.

Dotata di freni a disco sia per la ruota anteriore che per quella posteriore, questa bicicletta elettrica pieghevole si ripiega in meno di 30 secondi grazie alla presenza di 3 punti di sgancio all'altezza del telaio, del manubrio e della sella. È inoltre dotata di display a LED e supporto per smartphone posizionato sul manubrio.

Le recensioni degli utenti in rete sottolineano la potenza del motore e l'autonomia della batteria, ma mettono in guardia gli utenti dal fatto che si tratta di un modello abbastanza pesante. È disponibile su Amazon a partire da 724,56€.

Fat bike pieghevole Revoe Dirt VTC

È prodotto dall'azienda cinese Revoe il modello di fat bike elettrico pieghevole che prendiamo in considerazione adesso, che da chiuso misura 70x38x69 cm.

A differenza dei modelli precedenti, in questo caso parliamo di fat bike per la presenza di ruote pneumatiche all terrain da 20 pollici, più ampie e resistenti rispetto a quelle delle biciclette pieghevoli classiche, ma allo stesso tempo anche più pesanti. Complessivamente, infatti questa bicicletta pesa circa 35 chili; il motore da 250W permette una velocità massima di 25 km/h e la batteria agli ioni di litio si ricarica in 3 ore.

Grazie al display sul manubrio è possibile scegliere tra tre livelli di assistenza alla pedalata, oppure di non utilizzare affatto il motore e prolungare la durata della batteria; il sistema di piegatura è molto semplice, e la bici è già dotata di cavalletto, portapacchi e luci anteriori.

Le recensioni degli utenti ne esaltano il design, la qualità dei materiali e l'ottimo rapporto qualità prezzo rispetto ad altre fat bike della stessa categoria: è infatti disponibile in rete a partire da 699,90€.

Bici elettrica pieghevole super leggera Xiaomi QiCycle

Passiamo a un'altra bicicletta elettrica pieghevole cinese con il modello proposto da Xiaomi, che con i suoi 14,5 kg di peso si attesta come uno dei più leggeri in circolazione.

Questa e-bike pieghevole ha un motore di 250W posizionato sulla parte anteriore del telaio, e la batteria al litio può essere estratta per una ricarica più pratica e maneggevole; ha un'autonomia di 45 km e servono 3 ore per una ricarica completa.

A differenza della maggior parte di bici elettriche pieghevoli, il modello di Xiaomi è dotato di cambio a 3 velocità, come 3 sono anche i livelli di assistenza che è possibile selezionare per essere aiutati dal motore durante la pedalata.

Oltre ad alimentare il motore per la pedalata assistita, la batteria alimenta anche la luce frontale a LED e la luce posteriore di posizione. Il modello QiCycle di Xiaomi è in vendita online a partire da 1249,95€.

Bici elettrica pieghevole NCM Paris

NCM propone il suo modello di e-bike pieghevole più simile a una bici da passeggio in stile Graziella, che misura da chiusa 90x70x60 cm.

Si tratta di un modello leggermente più costoso rispetto ai pedelec visti in precedenza, con una batteria a litio che ha una durata di almeno 40 km; il motore da 250W offre ben 6 livelli di assistenza tra cui la modalità Eco, che permette di prolungare la durata della batteria grazie al risparmio energetico.

Il telaio è realizzato in alluminio, le ruote sono da 20 pollici e sono presenti i freni a disco sia sulla ruota anteriore che su quella posteriore; la sella e le manopole del manubrio sono rivestite in similpelle, e in generale in questo modello di e-bike viene data attenzione anche all'estetica, oltre che alla funzionalità.

Le recensioni degli utenti in rete sottolineano la qualità delle sospensioni e del telaio in generale, oltre alla ricchezza e qualità degli accessori. Il modello Paris di NCM è in vendita su Amazon a partire da 1199€.

E-bike pieghevole Fiat F16

Anche la "nostrana" Fiat propone il suo modello di bici elettrica pieghevole, che fa parte idealmente della gamma 500 e misura 70x44x68 cm.

Si tratta di un modello ultraleggero: solo la bici pieghevole di Xiaomi riesce a fare di meglio, perchè la e-bike di Fiat pesa solo 15 kg compreso di batteria. Il telaio è realizzato in alluminio, le ruote misurano 16 pollici e il sistema di frenata consiste in due freni a disco montati sia sulla ruota anteriore che su quella posteriore.

La batteria agli ioni di litio ha un'autonomia di circa 25 chilometri e comprende anche una porta USB per poter ricaricare lo smartphone mentre si è in movimento; non è previsto un display da posizionare sul manubrio, ma c'è un'app dedicata che permette di impostare il livello di assistenza alla pedalata direttamente dallo smartphone.

Oltre che l'affidabilità del marchio, le recensioni su Amazon elogiano la batteria utilizzabile come power bank per lo smartphone e il fatto che sia ultraleggera e molto compatta quando viene piegata; questo modello di Fiat è in vendita su Amazon a partire da 600€.

Bicicletta pieghevole a pedalata assistita BiwBik

Stiamo per concludere il confronto tra i migliori modelli di bici elettriche pieghevoli disponibili online: passiamo adesso all'e-bike di Biwbik, che da chiusa misura 84x45x64 cm.

Il motore brushless da 250W permette la pedalata assistita con tre livelli di assistenza tra cui uno a risparmio energetico per prolungare l'autonomia di una carica completa; il telaio è in alluminio, le ruote misurano 20 pollici e il sistema di frenata monta freni V-brake sulla ruota anteriore e un freno a tamburo su quella posteriore.

Oltre alle caratteristiche tecniche comuni anche agli altri modelli, questa e-bike pieghevole è dotata di un cambio Shimano a sei velocità; all'interno della confezione è inoltre compreso il cavalletto e la luce anteriore a LED, oltre al display montato sul manubrio per tenere d'occhio la carica della batteria e selezionare il livello di assistenza.

Le recensioni degli utenti sottolineano la qualità delle finiture e la facilità di ripiegare la bici, che è in vendita su Amazon a partire da 639€.

E-bike a pedalata assistita A-bike Electric

Chiudiamo il nostro confronto con un modello dal design un po' insolito rispetto alle biciclette viste finora, che da chiuso misura 70x40x21cm, quindi è il più compatto in assoluto.

Anche il peso di questa bicicletta elettrica pieghevole è da record: pesa infatti poco più di 11 chili inclusa la batteria, che ha un'autonomia di 25 chilometri con una carica completa e si ricarica in meno di tre ore.

Si tratta di un modello ottimale per spostamenti molto brevi, che riesce a essere leggero e compatto grazie al telaio super sottile in alluminio e alle ruote molto piccole; non è dotata di cambio e non ha molti accessori, soltanto una luce anteriore alimentata dalla batteria.

Le recensioni degli utenti paragonano questo prodotto a un monopattino elettrico, con il plus di avere manubrio e sellino; il fatto che sia priva di ammortizzatori e che le ruote siano molto piccole si fa sentire su strade più accidentate. È disponibile su Amazon a partire da 741,92€.

Come scegliere la bici elettrica pieghevole

Dopo aver confrontato 10 tra i migliori modelli di e-bike pieghevoli disponibili sul mercato, passiamo alla guida all'acquisto vera e propria: andremo dunque ad analizzare tutte le caratteristiche tecniche di una bicicletta pieghevole a pedalata assistita, in modo da poter valutare da soli la qualità dei modelli che non abbiamo incluso all'interno della classifica.

Dimensioni e peso

Non possiamo parlare delle caratteristiche di una bici elettrica pieghevole senza riferirci innanzitutto alla prima caratteristica che ci salta all'occhio, ovvero quella che riguarda le dimensioni della bici da aperta e da chiusa e soprattutto il suo peso.

Le bici elettriche pieghevoli sono infatti dei piccoli capolavori di ingegneria e design, perchè bisogna combinare la robustezza di un oggetto di qualità e di una batteria e motore potente con le esigenze di trasporto e, quindi, di maneggevolezza.

Come abbiamo visto, i modelli ultraleggeri pesano poco più di dieci chili, ma una bici pieghevole a pedalata assistita può arrivare anche a pesare più di trenta chili. Quante e quali sono le componenti che fanno oscillare il peso della bici? Sicuramente il motore e la batteria, ma anche il materiale del telaio e soprattutto le ruote.

Un altro elemento da tenere in considerazione è la grandezza della bici elettrica da aperta e da chiusa, quindi il suo ingombro: è chiaro che i modelli più essenziali e spartani, con le ruote più piccole, riusciranno a diventare molto compatti da chiusi. Solitamente una bici grande sarà anche una bici pesante, anche se non sempre le dimensioni e il peso vanno di pari passo o vanno considerati contemporaneamente.

Ad esempio, se avete l'esigenza di trasportare a mano la vostra bici sarà necessario acquistare un modello molto leggero, ma se invece avete intenzione di ripiegarla per metterla nel bagagliaio dell'auto è più importante che la e-bike sia compatta. Come sempre non esiste il miglior prodotto in assoluto, bensì il miglior modello per quelle che sono le esigenze di ciascuno.

Sistema di piegatura

Al pari del peso e delle dimensioni, una caratteristica fondamentale per un modello pieghevole sta proprio nel sistema di piegatura della bicicletta, ossia nel modo in cui essa si ripiega su se stessa per essere trasportata o riposta nel bagagliaio dell'auto.

Esistono due sistemi di piegatura possibili: la piega centrale e la piega laterale. La piega centrale prevede che la bici si richiuda sfruttando come perno il centro del telaio, andando a ripiegare le ruote, il manubrio e il sellino. Ha il vantaggio di essere un sistema di chiusura semplice e immediato, ma lo svantaggio di essere meno compatto e salvaspazio.

Il sistema di piegatura posteriore prevede invece che la bici si ripieghi su se stessa spostando la ruota posteriore sotto il telaio della bici: pur essendo inizialmente meno intuitivo rispetto al meccanismo di piegatura centrale, ha il pregio di rendere la bici da chiusa molto più compatta.

Motore

Se per una bicicletta tradizionale la caratteristica più importante è la qualità di telaio e ruote, per una e-bike è fondamentale occuparsi inizialmente del motore elettrico che sostiene i diversi modelli.

Quando parliamo di motore di una bicicletta a pedalata assistita ci riferiamo nello specifico a due elementi: da un lato la sua potenza, quindi la capacità del motore di produrre energia in quantità variabile, e dall'altro la posizione del motore sul telaio della e-bike.

Potenza

Relativamente alla potenza del motore, all'inizio di questo articolo abbiamo già menzionato cosa dice la normativa. Lo ripetiamo, perchè si tratta di un elemento fondamentale da tenere in considerazione nella scelta del miglior modello di bicicletta elettrica per le tue esigenze: secondo la legislazione europea, tutte le e-bikes con motore superiore a 250W sono considerate dei ciclomotori veri e propri, e quindi avranno bisogno di una patente di guida, del bollo, dell'assicurazione, eccetera.

Sulla potenza del motore non potete dunque sbagliarvi: la stragrande maggioranza dei modelli di bicicletta a pedalata assistita sul mercato ha un motore di 250W.

Posizione sul telaio

Oltre alla normativa di riferimento relativa alla potenza del motore, un altro elemento da tenere in considerazione per la scelta della migliore e-bike è il posto sul telaio in cui il motore viene posizionato. Esistono tre possibilità:

  1. Quando il motore è anteriore, vuol dire che è posizionato sul mozzo della ruota davanti, quindi sarà semplice da installare ma modificherà la trazione della e-bike e potrebbe provocare difficoltà su salite ripide o quando sarà necessario cambiare le ruote.
  2. Quando il motore è posteriore, significa che si trova sul mozzo della ruota di dietro, accanto al cambio. Non cambia la trazione della bici, ma sicuramente è molto scomodo da montare ed è necessario smontarlo quando si cambiano le ruote.
  3. La condizione migliore è che il motore si trovi al centro della bicicletta, sul telaio oppure al suo interno. Si tratta di un motore "di serie", che non può essere montato su una bici tradizionale, mentre il motore anteriore e quello posteriore possono essere aggiunti a un modello "analogico" mediante un apposito kit di conversione.

Batteria e autonomia

Possiamo acquistare una bici con un motore perfetto, ma sarà poca cosa se non viene montata anche una batteria potente e soprattutto che ci permetta di pedalare a lungo prima di ricaricarla.

Sul mercato esistono batterie per biciclette realizzate a partire da diversi materiali: più che quelle a piombo gel o a Ni-MH, sono le batterie agli ioni di litio a essere le migliori in termini sia di durevolezza che di leggerezza. La maggior parte dei modelli che abbiamo passato in rassegna sono dotati di batteria a litio e solitamente non hanno mai una capacità inferiore a 360Wh. Per capacità si intende l'energia che la bicicletta elettrica riceve dal motore entro un certo periodo di tempo.

Oltre alla composizione e alla capacità, un altro elemento fondamentale nella valutazione dei diversi modelli di bici pieghevole a pedalata assistita è l'autonomia della batteria stessa. Ci riferiamo in questo caso ai chilometri che possiamo percorrere da quando la batteria è totalmente carica a quando essa è totalmente scarica: le case produttrici indicano un numero di chilometri orientativo, come abbiamo potuto vedere, ma in realtà questo parametro è estremamente difficile da definire.

Cosa influisce sull'autonomia di una e-bike? Sicuramente l'usura della batteria, ma anche il tipo di strada, l'eventuale presenza di salite o comunque di dislivelli, il peso del conducente e il livello di assistenza che abbiamo selezionato. È quindi un valore molto importante, ma difficile da calcolare a priori, perchè troppo influenzato da caratteristiche anche soggettive.

L'ultimo elemento da tenere in considerazione per quanto riguarda la batteria della bici è il luogo in cui essa è posizionata: la maggior parte delle bici elettriche pieghevoli ha la batteria sul telaio, in modo da non sbilanciare l'equilibrio durante la pedalata; tutti i modelli che abbiamo visto hanno la batteria estraibile, quindi permettono di poter isolare la batteria e ricaricarla senza dover aprire interamente il pedelec.

Sensori e livelli di assistenza della pedalata

Come si attiva la pedalata assistita in una bici elettrica pieghevole? Semplice: pedalando. Proprio perchè non si tratta di un ciclomotore vero e proprio, è sempre necessario per il conducente fare uno sforzo fisico al fine di attivare il motore.

Sul mercato esistono bici elettriche pieghevoli con due diversi sensori: il sensore di pedalata e il sensore di sforzo. Il primo potremmo definirlo "a ciclo continuo", nel senso che si mantiene costante nell'intensità e ci permette di pedalare senza sforzi, ha sempre la stessa forza sia che pedaliamo forte che nel caso in cui semplicemente fingiamo di pedalare, o attuiamo quella che si chiama pedalata simbolica.

Il sensore di sforzo è invece più graduale e si modula in base a quanto forte pedaliamo: più ci sforziamo, più il motore ci aiuta. Questa seconda opzione rappresenta un elemento migliore per chi cerca nella e-bike pieghevole non solo un mezzo di trasporto per brevi spostamenti ma anche un'opportunità per fare attività fisica.

Struttura e materiali della bici

Dopo aver analizzato le caratteristiche più strettamente legate al motore elettrico e alla batteria di una e-bike pieghevole, passiamo a elencare gli elementi fondamentali per l'acquisto di qualsiasi tipo di bicicletta, con attenzione particolare ai modelli pieghevoli con o senza pedalata assistita.

Telaio

Il telaio della bicicletta pieghevole rappresenta la struttura portante di ogni modello, e la tipologia di materiale utilizzato per realizzarlo ha un'importanza fondamentale, in quanto incide sia sulla qualità complessiva dei diversi modelli, che sul loro peso.

Dal momento che per le e-bikes pieghevoli la leggerezza della bicicletta è un elemento fondamentale, la maggior parte dei modelli in commercio è realizzata con telaio in alluminio, almeno per quanto riguarda i pedelec di fascia economica e media. Le bici pieghevoli a pedalata assistita top di gamma sono invece realizzate in fibra di carbonio, un materiale resistente come l'alluminio, ma ancora più leggero. Le biciclette tradizionali hanno invece quasi sempre il telaio in acciaio, che garantisce durevolezza e robustezza ma che è abbastanza pesante.

Ruote

Le ruote sono un elemento fondamentale in ogni modello di bicicletta che si rispetti, e chiaramente la loro dimensione e tipologia varia a seconda del tipo di bici di cui stiamo parlando. Le ruote di una bicicletta da passeggio saranno più piccole e lisce rispetto a quelle di una mountain bike, che a loro volta saranno più spesse rispetto a quelle di una bici da corsa, e così via.

E nel caso delle bici elettriche pieghevoli? Dal momento che le ruote sono di solito molto ingombranti, nel caso delle bici pieghevoli queste sono abbastanza piccole, e rendono questi modelli sconsigliati per strade sterrate o salite ripide. La maggior parte delle bici elettriche pieghevoli monta ruote da 20 pollici, ma ci sono anche modelli con ruote di 16 pollici o inferiori.

Cambio

Come abbiamo visto, la maggior parte dei modelli di bici pieghevole a pedalata assistita non è dotata di cambio: si tratta di modelli monomarcia, pensati per essere guidati su strade asfaltate, dove non è necessario utilizzare il cambio.

Alcuni modelli, tuttavia, montano un cambio targato quasi sempre Shimano, che può essere a più livelli di velocità e può rendere l'e-bike pieghevole versatile e adatta anche ai sentieri di campagna o a città in cui ci sono più dislivelli.

Sistema frenante

Al pari del telaio e delle ruote, il sistema frenante di una bicicletta è un elemento da tenere in considerazione, sia per una questione di qualità del modello di bicicletta che andrete a scegliere sia per quanto riguarda la sicurezza generale della bicicletta.

Su una bici elettrica pieghevole è possibile trovare tre tipi di freno: a disco, a tamburo e V-brake. In alcuni casi, come in uno dei modelli che abbiamo visto nel nostro confronto, il sistema frenante può essere combinato: vuol dire che su un modello di bicicletta possono essere montati due freni di diversa tipologia, uno sulla ruota anteriore e uno sulla ruota posteriore.

Accessori

Come abbiamo potuto vedere nel confronto tra diversi modelli di bicicletta elettrica pieghevole, quasi tutte le e-bikes oggetto della classifica sono dotate di accessori. Tra questi il più importante è sicuramente la sacca per trasportare la bici, che permette di evitare che essa si graffi o si rovini.

Anche il computer di bordo è un accessorio importante, che può essere sostituito con un'applicazione dedicata, ma che è necessario per tenere il conto della durata della batteria ed evitare di restare senza carica.

Garanzia

Si tratta di una componente importante nella scelta del migliore modello di bicicletta pieghevole a pedalata assistita per le tue esigenze, perchè è importante sapere di avere un supporto da parte dell'azienda produttrice in caso di difetti di fabbricazione o di guasti.

All'interno della scheda tecnica la garanzia dovrebbe essere specificata, in caso contrario basta chiedere al rivenditore e accertarsi che essa sia disponibile e valida. L'ideale sarebbe avere una garanzia che copre due anni di vita della bicicletta, in modo da sopperire al naturale deperimento della batteria a litio.

Dove acquistare la bici elettrica pieghevole

Lo abbiamo capito: la bici pieghevole non è una moda passeggera, anzi, potrebbe diventare il futuro della mobilità sostenibile in città. Si tratta però di dispositivi ancora molto cari, che possono superare il migliaio di euro: il modo migliore per risparmiare è acquistare la tua e-bike pieghevole direttamente su Amazon, dove potrai avere la garanzia dei rivenditori e di Amazon stesso, oltre che della casa produttrice.

Su Amazon, inoltre, troverai prezzi più bassi rispetto a quelli nei negozi fisici, e potrai aiutarti con le recensioni degli utenti che hanno già effettuato il loro acquisto e possono dare preziose indicazioni.