migliori mouse verticali

Perché acquistare un mouse verticale? Semplice! Il mouse verticale, è una particolare tipologia di dispositivo dalla forma ergonomica pensata per chi soffre di determinate patologie, come problemi al tunnel carpale, e per chi passa molte ore al computer, per lavoro o per gaming, e inizia a sentire problemi di infiammazione o stanchezza ai tendini della mano o del braccio. Perché sì, è ormai risaputo che passare molte ore al computer può provocare infiammazioni ai tendini e al polso, proprio per la posizione del tutto innaturale della mano quando si utilizza il mouse tradizionale. Insomma, grazie alla sua ergonomia del tutto rivoluzionata, il mouse verticale è perfetto praticamente per tutti, anche per i giocatori che dedicano molte delle proprie ore al gaming.

E proprio perché si tratta di un dispositivo molto apprezzato dagli utenti che hanno iniziato ad utilizzarlo, nel mercato sono in vendita tantissimi tipi di mouse verticale, che si contraddistinguono tra loro non solo per una serie di caratteristiche che, in alcuni casi, vanno molto sul tecnico.

Per aiutarvi nella scelta, in questa guida all'acquisto parleremo prima di tutto delle caratteristiche tecniche che, oltre al prezzo e alla migliore marca, bisogna considerare prima dell'acquisto del miglior mouse verticale per le proprie esigenze, per poi passare ad un vero e proprio elenco nel quale inseriremo i prodotti che – a parer nostro – hanno il miglior rapporto qualità prezzo.

Come scegliere il miglior mouse verticale

Nel mercato, sono disponibili svariate soluzioni per chiunque abbia la necessità o la voglia di utilizzare un mouse verticale. Le fasce di prezzo sono diverse, come sono diversi i materiali utilizzati e le caratteristiche tecniche che contraddistinguono i diversi modelli in vendita. È quindi molto importante imparare conoscere con cognizione di causa tutti questi fattori, per evitare di fare un acquisto poco adatto alle proprie esigenze.

Impugnatura ed ergonomia

Il fattore che più caratterizza questi dispositivi è, chiaramente, quello relativo all'impuntatura e l'ergonomia. Perché, è chiaro, se un mouse verticale non si adatta alla forma della propria mano perde ogni tipo di utilità. Certo, si tratta di mouse verticali, quindi un dispositivo per essere definito tale deve seguire alcuni standard ergonomici ben precisi, ma ci sono alcuni fattori tecnici (e di materiali) che contraddistinguono un modello dall'altro. Il nostro consiglio è quello di leggere prima le recensioni degli utenti che hanno già avuto modo di provare il modello che si vuole acquistare, ed accertarsi sulla comodità di utilizzo.

Connessione: cavo, wireless o bluetooth?

Abbiamo già parlato dei migliori mouse wireless spiegando i pro e i contro dei mouse senza fili. Anche i mouse verticali possono connettersi al computer utilizzando il filo, la connessione wireless a 2.4 GHz o la connessione bluetooth. La differenza sostanziale tra le tre categorie è che i mouse cablati sono più reattivi e precisi degli altri modelli (quindi più indicati per il gaming), i mouse wireless possono essere utilizzati anche con i computer più datati (che non dispongono di un modulo bluetooth) a patto che ci sia una porta USB libera da occupare con il piccolo trasmettitore wireless. I mouse bluetooth invece non occupano nessuna porta USB del computer, ma può essere utilizzata solo su dispositivi che dispongono di un modulo bluetooth. I mouse bluetooth inoltre, in genere hanno un'autonomia leggermente inferiore rispetto a quelli che funzionano su radiofrequenza, ma entrambi i modelli hanno lo stesso raggio d'azione che si aggira intorno ai 10 metri.

Tipo di sensore

Il sensore è il cuore pulsante di un mouse, ed è proprio da questo fattore che dipendono l'efficienza e la precisione del dispositivo. In commercio sono in vendita mouse che utilizzano principalmente due tipologie di sensori: quello ottico (LED) o quello laser. Il primo assicura una velocità nei movimenti maggiore ed ha un buon livello di precisione, ma non può essere utilizzato su superfici troppo lisce o il vetro. Il secondo invece, funziona su tutti i tipi di superfici e garantisce una precisione maggiore rispetto a quello ottico, ma soffre molto della polvere che i può depositare sulla scrivania.

Risoluzione

Molto importante è anche la risoluzione che, nel mouse, viene calcolata in DPI (punti per pollice). In sostanza questo fattore indica il numero di pixel per i quali si muove si muove il cursore del mouse per ogni pollice di spostamento. Ma attenzione: questo fattore non indica ne la precisione del mouse en la velocità di spostamento. Il nostro consiglio è quello di direzionarsi verso un mouse con una grande risoluzione solo se si utilizza un monitor con una risoluzione molto alta.

Peso

Un altra caratteristica da valutare prima dell'acquisto del miglior mouse verticale per le proprie necessità è il peso del dispositivo. In linea di massima, i mouse più leggeri permettono movimenti più veloci e meno stancanti, ma sono meno precisi di quelli più pesanti che, al contrario, hanno una maggiore precisione ma potrebbero essere più stancanti da utilizzare.

Tasti programmabili

Nonostante, ormai per legge, un mouse debba avere almeno tre tasti (click destro, sinistro e rotellina di scorrimento), in commercio sono presenti modelli che sono dotati anche di un numero variabile di tasti laterali, ai quali è possibile associare altre funzionalità. Il numero di tasti opzionali di cui dovrebbe essere dotato un mouse senza fili, dipende molto dalle proprie necessità, il nostro consiglio è però di dotarsi di un dispositivo in grado di effettuare anche lo scrolling orizzontale, molto comodo per determinati utilizzi.

Polling Rate

Il Polling Rate è un fattore che indica quanto spesso il mouse comunica con il computer al quale è connesso, ed è misurato in Hz. In soldoni, maggiore è il polline rate di un mouse, maggiore sarà la risposta al movimento del puntatore sullo schermo. Un Polling Rate maggiore quindi, può ridurre il tempo di latenza che si verifica nell'utilizzo del mouse ma, tutta via, richiede un utilizzo maggiore delle risorse della CPU del computer.

Batteria

Alcuni modelli di mouse senza fili integrano una batteria ricaricabile tramite USB, altri invece utilizzano delle normali batterie stilo o mini stilo (AA oppure AAA), che vanno sostituite una volta scariche. Il nostro consiglio è quello di valutare l'acquisto di un mouse verticale dotato di batteria ricaricabile perché spesso ci si potrebbe trovare nella situazione in cui si scaricano le batterie AA o AAA e non si hanno altre batterie da utilizzare: il risultato è che il mouse diventerebbe inutilizzabile e bloccherebbe il procedimento dei lavori con il computer.

I migliori mouse verticali economici (a meno di 20 euro)

Una volta chiari i fattori da considerare, passiamo alla vera e propria guida all'acquisto. Inizieremo con i dispositivi più interessanti della fascia bassa, dispositivi che nonostante siano molto economici garantiscono un ottimo rapporto qualità prezzo.

JTD Mouse Verticale

migliori mouse verticali

Il JTD Mouse Verticale è un interessante mouse verticale economico con cavo. Il design è molto caratteristico e la velocità di campionamento può variare tra 1000, 1600 e 2000 DPI, che è possibile regolare con un apposito selettore. La sua forma ergonomica è studiata appositamente per prevenire il tunnel carpale (RSI) ed è un dispositivo totalmente plug-and-play: qualsiasi sia il sistema operativo che viene utilizzato, basta connettere il cavo USB al computer e il mouse è pronto per l'utilizzo.

Anker Mouse Verticale Wireless

migliori mouse verticali

L'Anker Mouse Verticale Wireless è un altro modello economico molto interessante, sia per il suo rapporto qualità/prezzo che per la forma ergonomica con cui è stato progettato. La sua area, chiamata tecnicamente a "stretta di mano" è tra le più apprezzate dagli utenti e garantisce un utilizzo molto comodo e privo di qualsiasi forma di affaticamento. Si tratta di un mouse wireless che funziona tramite 2.4 GHz e si connette al computer con un microscopico adattatore USB. È alimentato da una coppia di pile stilo (formato AA) e permette la scelta della risoluzione ottica grazie ad un selettore, che può variare tra 800, 1200 e 1600 DPI.

I migliori mouse verticali di fascia media (a meno di 40 euro)

Continuiamo la nostra rassegna sui migliori mouse verticali passando a quelli di fascia media. Si tratta di una fascia di prezzo molto interessante, perché permette di acquistare dispositivi dotati di ottime funzionalità e qualità, venduti ad un prezzo non troppo eccessivo.

Jelly Comb

migliori mouse verticali

Il mouse verticale Jelly Comb è un modello molto particolare, in grado di funzionare sia tramite 2.4 GHz che tramite bluetooth: starà all'utente scegliere la migliore tipologia di connessione per le sue esigenze. Il design ergonomico verticale elimina efficacemente il disagio durante il lungo lavoro con il mouse e la dimensioni con cui è prodotto lo rendono estremamente maneggevole e adatto per mani di medie e grandi dimensioni. Integra in totale 6 tasti e 3 livelli di DPI regolabili tramite un apposito selettore, che possono variare tra i 1000, i 1600 e i 2400.

SHARKK Mouse ergonomico verticale

migliori mouse verticali

Caratterizzato da un design decisamente comodo ed accattivante lo SHARKK Mouse ergonomico verticale è un prodotto di qualità decisamente più alta, soprattutto per i materiali e il processo produttivo con il quale è costruito. Si connette al computer tramite un piccolo adattatore USB a 2.4 GHz a tracciamento ottico, che garantisce un'ottima precisione negli spostamenti e un'indubbia comodità di utilizzo che non stancherà il polso o il braccio neppure dopo molte ore.

I migliori mouse verticali di fascia alta (a più di 40 euro)

Arriviamo infine alla fascia alta, nella quale è possibile trovare dei mouse verticali molto avanzati, dotati delle migliori tecnologie attualmente disponibili e realizzati con i migliori materiali in commercio.

JTD Mouse verticale

migliori mouse verticali

Il  JTD Mouse verticale è un mouse verticale wireless ricaricabile con un design molto particolare, adatto alle persone che vogliono la massima personalizzazione nell'utilizzo. Permette la modifica della sensibilità su quattro livelli, che variano tra i 600, i 1200, i 2000 e addirittura i 4000 DPI, e la tecnologia di tracciamento ottico garantisce una grande precisione nell'utilizzo. Anche questo modello può essere connesso a più dispositivi contemporaneamente (arriva fino a 4 dispositivi diversi), sia tramite connessione wireless a 2.4 GHz che tramite Bluetooth ed integra una batteria ai polimeri di litio da 800 mAh che con una carica completa garantisce 2 settimane di utilizzo e 1 mese e mezzo di standby.

Logitech MX Mouse Verticale

migliori mouse verticali

Il Logitech MX è il più apprezzato mouse verticale in commercio, non per niente ha anche il titolo di "Amazon's Choice" per questa categoria di dispositivi. Insomma, è il vero Re dei mouse verticali che garantisce una posizione della mano molto naturale riducendo l'attività muscolare del 10 percento rispetto ad un mouse standard. L'angolo di inclinazione è di 57 gradi e riduce la pressione sul polso, mentre il pollice è sorretto da un particolare supporto. questo prodotto è il frutto di uno studio molto approfondito con il quale l'azienda garantisce la riduzione degli affaticamenti di polso e braccio, ed è senza dubbio il migliore mouse verticale in commercio.