10 Settembre 2021
15:29

Puzza di bruciato e fumo sulla Stazione Spaziale Internazionale: cosa è successo

Secondo quanto riportato dalla Roscosmos (l’Agenzia spaziale russa), alle 4:55 (orario di Mosca) di ieri, un rivelatore di fumo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) ha iniziato suonare. I cosmonauti del Zvezda service module, modulo centrale della sezione di competenza russa, avevano lamentato presenza di fumo e odore di plastica bruciata. Tutto è tornato alla normalità nel giro di poco.
A cura di Ivano Lettere

Nel 1997 un incendio divampò a bordo della Mir, stazione spaziale russa. Non ci furono vittime, ma mise in serio pericolo la vita dell'equipaggio e avrebbe potuto mandare in fumo anni di lavoro e collaborazione tra Russia, Giappone, Stati Uniti e altri 10 paesi. Brutti ricordi, tornati alla mente ieri mattina, alle 4:55 (orario di Mosca), quando un rivelatore di fumo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) ha iniziato suonare, secondo quanto riportato dalla Roscosmos (l'Agenzia spaziale russa). Per la BBC, i cosmonauti del Zvezda service module, modulo centrale della sezione di competenza russa, avevano lamentato presenza di fumo e odore di plastica bruciata.

Le cause dell'incidente

Ricarica autonoma della batteria della stazione. Stando alle dichiarazioni di Roscosmos, sarebbe questa la causa dell'imprevisto. Sembra infatti che i due eventi, la ricarica e la comparsa del fumo, siano avvenuti più o meno nello stesso momento. Un filtro per l'aria è stato accesso poco dopo per pulire l'atmosfera dell'ambiente e ripristinare la normalità. Un'operazione andata avanti fino a quando l'ossigeno della struttura non ha raggiunto gli indicatori standard.

Un segnale importante che ha permesso agli astronauti della ISS-65, 65esima e attuale missione di lunga durata sulla ISS, di tornare a dormire. Successivamente, tornata la calma a bordo della stazione, Oleg Novitsky e Pyotr Dubrov hanno avuto modo di completare i lavori previsti dalla missione. Nel loro caso, li avrebbe attesi una passeggiata spaziale programmata della durata di sei ore. Gli altri colleghi sono invece ancora impegnati a integrare il modulo Nauka, colpevole di aver creato molti problemi.

Un episodio da non sottovalutare

"Molto grave". È il parere di Jonathan Mcdowell, un ricercatore dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, in merito all'incidente che si è verificato in orbita. In una mail, Mcdowell ha spiegato che i membri dell'equipaggio avrebbero potuto inalare fumo o, peggio ancora, trovarsi costretti a spegnere un incendio, dato che la quantità di materiale infiammabile è notevole. Come se non bastasse, la risposta russa non gli permette di nutrire "un'intensa fiducia" nei loro confronti. Pare infatti che, a seguito del fatto, i cosmonauti coinvolti abbiano dichiarato che "c'era un odore di bruciato, ma abbiamo alzato il ventilatore e l'odore è sparito ora, anche se ancora non sappiamo cosa sia stato".

Nauka, il modulo "maledetto" che ha destabilizzato la Stazione Spaziale Internazionale
Nauka, il modulo "maledetto" che ha destabilizzato la Stazione Spaziale Internazionale
Come sarà girato il primo film ambientato sulla Stazione Spaziale Internazionale
Come sarà girato il primo film ambientato sulla Stazione Spaziale Internazionale
Questo robot lavorerà a bordo della Stazione Spaziale Internazionale
Questo robot lavorerà a bordo della Stazione Spaziale Internazionale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni