9 Agosto 2021
10:27

Questa copia di Super Mario Bros vale 2 milioni di dollari

Una copia del capolavoro della giapponese Nintendo del 1985 è stata mesa all’asta negli scorsi giorni ed è finita a un compratore anonimo per una cifra astronomica, che ha polverizzato l’ultimo record in materia infranto solo poche settimane fa. La cartuccia in questione era chiusa in una confezione di vendita originale e mai aperta.
A cura di Lorenzo Longhitano

Quello dela rivendita di videogiochi vintage da collezione sta diventando un mercato estremamente remunerativo, paragonabile ormai a quello di prodotti come le carte rare di Pokémon e le opere d'arte vere e proprie. A dimostrarlo c'è l'ultima spettacolare cifra sborsata per una copia intonsa di Super Mario Bros, capolavoro della giapponese Nintendo uscito sul mercato nel lontano 1985: messa a disposizione negli scorsi giorni sulla piattaforma di compravendita online Rally, la cartuccia in questione è stata acquistata per la somma record di 2 milioni di dollari.

Cifre in costante aumento

Chi segue questo peculiare settore sa che le cifre sborsate per acquistare vecchi videogiochi in buone condizioni sono da tempo in costante e vertiginoso aumento. L'ultimo record in questo senso era stato infranto solo poche settimane fa da un titolo che per protagonista ha sempre Mario, l'idraulico di origini italiane e mascotte della casa giapponese Nintendo: si tratta di Super Mario 64, titolo uscito nel 1996 per la console Nintendo 64 e venduto per poco più di un milione e mezzo di dollari. Pochi giorni prima era stato il turno di una copia di Legend of Zelda – battuta per 870.000 dollari – e prima ancora del terzo capitolo di Super Mario Bros: tutte opere prodotte dal gruppo nipponico Nintendo ma soprattutto nate dalla fantasia dello storico e più influente designer del gruppo, Shigeru Miyamoto.

Cosa aumenta il valore dei giochi

La fama della casa produttrice e dell'ideatore hanno naturalmente un ruolo nel valore conferito ai singoli giochi da chi intende acquistarne delle copie rare. Proprio come avviene per i pezzi d'arte, il fatto che siano l'opera di autori ben conosciuti può infatti contribuire a renderli più appetibili sul mercato. Tutti i titoli elencati hanno inoltre contribuito a vario titolo a fare la storia del settore dei videogiochi del loro tempo, e sono capolavori noti anche in sé e per sé. A questi elementi si unisce il fatto che le copie vendute sono conservate in buone o ottime condizioni, valutate da enti che prendono in considerazione numerosi parametri sullo stato e l'integrità della confezione di vendita.

In particolare, la copia di Super Mario Bros vinta all'asta in queste ore (il compratore è rimasto anonimo) poteva vantare il fatto di non essere neppure mai stata aperta: la condizione – in effetti non comune per un videogioco del 1985 – ha contribuito a fissare il prezzo di vendita all'astronomica cifra sborsata.

Questa copia di Super Mario 64 è stata venduta per un milione e mezzo di dollari
Questa copia di Super Mario 64 è stata venduta per un milione e mezzo di dollari
Gli interni della villa di Tim Cook da 10 milioni di dollari
Gli interni della villa di Tim Cook da 10 milioni di dollari
La nuova casa di Tim Cook costa 10 milioni di dollari: dove si trova e come è fatta
La nuova casa di Tim Cook costa 10 milioni di dollari: dove si trova e come è fatta
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni