L'era degli screenshot delle chat di WhatsApp sta giungendo al termine. O almeno così sembra emergere dalle indiscrezioni del portale WABetaInfo, sempre attento alle funzionalità che l'applicazione nasconde nel codice delle versioni beta del software e che quindi vanno ad indicare futuri aggiornamenti. In questo caso, però, la notizia riguarda una funzione lanciata da WhatsApp nel corso delle ultime settimane e legata alla sicurezza: l'attivazione dell'autenticazione tramite impronta digitale o riconoscimento del volto, infatti, andrà ad impedire di salvare screenshot delle conversazioni.

In breve, se si attiva il livello di sicurezza appena introdotto e che impedisce ad occhi indiscreti di curiosare tra le nostre chat, si attiva anche il blocco degli screenshot, impedendo quindi agli utenti di salvare le schermate delle conversazioni. Una mossa che punta chiaramente al rafforzamento della privacy all'interno dell'app di messaggistica, dove ad oggi è facile – anche in caso di autenticazione con input biometrici – salvare uno screenshot delle conversazioni e pubblicarlo all'esterno dell'applicazione. Il blocco andrebbe a chiudere questa piccola falla.

Ovviamente, come d'altronde dimostrato da applicazioni che impediscono gli screenshot come Snapchat, sicuramente si troveranno delle vie traverse per salvare le immagini delle schermate, ma è pur sempre vero che un blocco imposto dall'app rallenterà questa procedura e, in alcuni casi, farà desistere gli utenti dal salvare gli screenshot. Insomma, il blocco seppur aggirabile ha senso. La novità è stata individuata nella versione beta 2.19.106 di WhatsApp e non ha ancora una data di rilascio precisa, né si conoscono i dettagli riguardanti l'attivazione e le eventuali notifiche che l'app mostrerà in caso di screenshot. Per tutti questi elementi dovremo attendere il rilascio ufficiale.