20 Maggio 2011
12:03

Town Hall: la politica americana su YouTube

In America è stata lanciata la piattaforma “YouTube Town Hall” dove il cittadino può porre domande ai membri del Congresso e ricevere delle video-risposte.
A cura di Vito Lopriore

Una interessante novità viene dagli Stati Uniti e riguarda la vita quotidiana dei cittadini americani. Si tratta in generale della facilitazione dell’interazione tra il pubblico e l’amministrazione politica che riguarda anche i temi oggi discussi in Italia della digitalizzazione e dell’uso intelligente della tecnologia e dei new media.

YouTube Town Hall” è una piattaforma digitale dove i membri del Congresso virtualmente dibattono e discutono dei temi principali del giorno. Si può scegliere un argomento e sentire cosa hanno da dire a proposito i due rappresentanti, da differenti prospettive. Infine, supportare quello con cui si è più d’accordo e ottenere più informazioni sul problema sollevato.

Solo dopo aver visto il video, l’utente può scoprire l’appartenenza partitica di ciascun politico e, assicurano, può accadere spesso di rimanerne sorpresi.

I principali temi trattati (economia, energia, Afghanistan, scuola, salute) sono quelli che hanno ottenuto più visite e click, dunque più popolari, attraverso le ricerche su Google e Google News nell’ultimo anno. Si possono anche inviare richieste ai membri del congresso e vedere i video di risposta, dopo una selezione delle domande più votate.

Come poter focalizzarsi sulle idee necessarie per rendere il proprio paese e il mondo un posto migliore, lontano dalla “agenda setting” e dalle issues principali suggerite dai partiti? La risposta si può trovare qui: YouTube Town Hall Leaderboard, secondo gli esperti USA.

Oggi in America il 90% dei membri del Congresso hanno un canale su YouTube e molti candidati alle elezioni presidenziali hanno usato la piattaforma video di Google per le campagne elettorali, compreso l’attuale presidente Barack Obama che usa i new media e il Web da sempre nelle sue strategie di comunicazione e relazione verso il pubblico.

Steve Grove, capo della divisione news e politica, che intervistò il presidente dopo il discorso sullo Stato dell’Unione, tenuto sempre su YouTube (arrivarono circa 11.000 domande), ha dichiarato “E’ probabilmente il mezzo più grande che c’è oggi per diffondere un messaggio”.

Con Obama YouTube entra nell’Olimpo delle news
Con Obama YouTube entra nell’Olimpo delle news
Il video degli stonati spopola su Youtube
Il video degli stonati spopola su Youtube
Youtube: nel 2011 saranno lanciati Youtube Next e Next New Networks
Youtube: nel 2011 saranno lanciati Youtube Next e Next New Networks
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni