12 Giugno 2021
10:50

Tutto sull’auto che si guida da sola di Apple: cosa sappiamo e cosa c’è di nuovo

Una delle ultime personalità entrate nell’organico dell’azienda costituisce un ulteriore indizio sul futuro del gruppo in ambito automotive: si tratta di Ulrich Kranz figura di grande esperienza nel settore delle auto elettriche e che in passato ha lavorato per ben 30 anni presso il colosso tedesco BMW.
A cura di Lorenzo Longhitano

Che Apple abbia un interesse nel mondo delle auto è noto da anni, anche se non è mai stato particolarmente chiaro fino a che punto la casa di Cupertino volesse lanciarsi in un settore così lontano da quelli normalmente di sua competenza. Una delle ultime personalità entrate nell'organico dell'azienda costituisce però un ulteriore indizio impossibile da ignorare sul futuro del gruppo in ambito automotive: si tratta di Ulrich Kranz figura di grande esperienza nel settore delle auto elettriche e che in passato ha lavorato per ben 30 anni presso il colosso tedesco BMW.

Chi è il manager assunto da Apple

La notizia dell'assunzione di Kranz da parte di Apple è stata riportata nelle scorse ore da Bloomberg e ha attirato immediatamente l'attenzione degli osservatori. Il curriculum dell'ex dirigente BMW in effetti può essere letto come un manifesto programmatico delle intenzioni della casa di Cupertino nel mondo delle auto: per il gruppo di Monaco di Baviera Kranz ha contribuito a dirigere la divisione che si è occupata di due dei suoi veicoli elettrici di punta – l'elettrica i3 e l'ibrida plug-in i8. L'ipotesi è che, all'interno del gruppo di Cupertino, Kranz possa essere assegnato proprio all'ancora segreto Project Titan del quale si vocifera da anni quando si parla di Apple e auto elettriche.

L'interesse per la guida autonoma

Più recentemente l'ex manager BMW ha co-fondato Canoo, una startup con sede negli Stati Uniti specializzata nella produzione di veicoli elettrici e con un occhio puntato alla guida autonoma: l'azienda ha perso la guida di Kranz ad aprile, ma già l'anno scorso sotto la sua direzione aveva annunciato l'adozione sui suoi prossimi veicoli di una piattaforma informatica per la guida autonoma di livello 2,5. Il livello di autonomia che Canoo sperava di far raggiungere ai suoi veicoli era insomma comparabile a quello attualmente a disposizione nelle auto Tesla, ed è un ulteriore segnale dell'interesse di Apple nel settore.

A che punto è il progetto

Il progetto di Apple di lanciarsi su veicoli elettrici e guida autonoma ha subito numerosi riassestamenti nel corso degli anni. Intorno al 2016 sembrava che gli sforzi del gruppo fossero stati ridimensionati e diretti alla produzione di un sistema di guida autonoma da vendere dietro licenza ai produttori partner dell'iniziativa; verso la fine dell'anno scorso sono però emersi nuovi elementi che hanno dipinto il gruppo come nuovamente interessato alla produzione di veicoli, con particolare enfasi a un processo di realizzazione delle batterie capace di ridurre i costi e migliorare l'autonomia dei mezzi.

Solo pochi giorni fa l'agenzia Reuters ha rivelato che il gruppo potrebbe essere effettivamente in trattative con due grandi gruppi cinesi per la produzione di questi fondamentali elementi; in questo contesto, la notizia dell'assunzione in queste ore di un manager con tanta esperienza sul campo non può che puntare alla realizzazione di un'auto a marchio Apple nel futuro. Le ultime indiscrezioni emerse al riguardo parlano dell'anno 2024.

Cosa presenterà Apple nell'evento del 20 aprile
Cosa presenterà Apple nell'evento del 20 aprile
Cosa sappiamo sull'iPhone 13: i rumor sulla presentazione del 14 settembre
Cosa sappiamo sull'iPhone 13: i rumor sulla presentazione del 14 settembre
I nuovi iMac sono coloratissimi e hanno il nuovo processore di Apple
I nuovi iMac sono coloratissimi e hanno il nuovo processore di Apple
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni