Se non ne avete mai sentito parlare non è perché è stato lanciato negli ultimi giorni: semplicemente nessuno ne ha mai parlato. Vero, il social network a pagamento (ma che non lo è ancora), è stato lanciato nel 2015 ottenendo un successo così basso da non apparire nemmeno nella top 1.500 dell'App Store. Insomma, un fallimento totale. Oggi, invece, è tra le app più popolari dello store, scaricata da talmente tante persone che i server del servizio si sono sovraccaricati nel giro di poche ore, impedendo agli utenti di pubblicare contenuti o creare un account.

Ma cos'è Vero? L'applicazione è stata lanciata nel 2015, quando è stata definita un "social network senza pubblicità dove poter essere se stessi". L'idea è nata dal miliardario Ayman Hariri, figlio dell'ex primo ministro libanese Rafik Hariri. Il motivo? Hariri si era stancato della presenza della pubblicità all'interno dei social network più famosi. Così è nata un'applicazione dall'impostazione simile a quella di Instagram, ma che consente di condividere anche testi, link e varie tipologie di post personalizzati come raccomandazioni di libri e serie TV. Il tutto viene pubblicato e mostrato in ordine cronologico e non, come avviene in quasi tutti gli altri social, secondo un ordine fornito da un algoritmo.

Viene definito il social network a pagamento perché il suo creatore ha spiegato che in futuro Vero diventerà a pagamento, mentre attualmente è possibile iscriversi ed utilizzarlo senza dover pagare un abbonamento. Questo significa che, vista l'assenza di annunci pubblicitari, ad oggi i guadagni per questo social network sono inesistenti. Anche lo stesso social network sarebbe rimasto nel buco nero in cui era finito negli ultimi anni se non fosse stato per l'improvvisa popolarità. Un rialzo dovuto in larga parte alla frustrazione degli utenti di Instagram, sempre più infastiditi dall'algoritmo del social network.

Fin dal suo rilascio, avvenuto lo scorso anno, l'algoritmo di Instagram ha portato a numerose proteste da parte degli utenti, che nel frattempo non si sono mai abituati al cambiamento dall'ordine cronologico. Per questo in Vero viene vista un'alternativa al social network di condivisione fotografica: nel corso degli ultimi giorni una moltitudine di utenti hanno cominciato a pubblicizzare i propri account Vero su Instagram: attualmente sono presenti oltre 500.000 post taggati con l'hashtag #Vero. Ora bisognerà vedere se l'app riuscirà a cavalcare questo successo; elementi virali come Sarahah hanno dimostrato che questi fenomeni possono esaurirsi molto in fretta.