VulcanicaMente le startup sono di scena a Napoli

Secondo il Ministro Profumo in Italia manca ancora una mentalità imprenditoriale in grado di affrontare le sfide dei nuovi mercati digitali. In realtà a guardare bene le numerose manifestazioni sul nostro territorio relative a startup e venture capital, la situazione sembra leggermente diversa. A fronte di una carenza di investitori, sia per mancanza di fondi che di coraggio, esiste invece un background di idee molto più florido di quanto si possa immaginare.

I problemi sintomatici della nuova realtà imprenditoriale sono principalmente due. Il primo, come già detto, è quello dell'approvvigionamento dei fondi, anche se in numerosi casi le idee più brillanti sono riuscite a convincere gli investitori a credere nel progetto (come in occasione di manifestazioni come Working Capital e Mind The Bridge).

Il secondo problema invece riguarda la diffusa incapacità di elaborare un business plan valido per i progetti che si vogliono portare avanti. Molto spesso infatti idee innovative non vengono accompagnate da piani aziendali adeguati, spaventando in qualche modo gli investitori che non sono in grado di vedere il buon esito del loro investimento. Occorre perciò che accanto ai giovani talentuosi vengano affiancati esperti che indichino loro quali strategie perseguire per rendere vincenti le loro idee e renderle appetibili per i venture capitalist.

La mission di Vulcanica-Mente è proprio questa; formazione, networking e maggiori contatti con la comunità finanziaria. Un'occasione imperdibile per chiunque abbia un'idea valida in cui crede per accedere al difficile e spietato mondo del venture capital.

L'evento, organizzato dal Centro Servizi Incubatore Napoli Est, è composto da diversi appuntamenti, a partire dai due Tech-Weekend di metà febbraio e metà marzo a Napoli, il primo dedicato al tema Web&ICT e Social&Business Innovation, il secondo per i settori Open Data & Smart City Solution e BioMed & NanoTech. Queste due manifestazioni di apertura serviranno per introdurre curiosi e startup interessate e prepararle alla competizione nei relativi campi.

La partecipazione è totalmente gratuita, l'importante è che la domanda venga consegnata entro e non oltre il 2 aprile 2012. A metà maggio si svolgerà invece la prima Tech-Week, 5-6 giorni di startup school alternati a giornate di lavoro sull'idea, a cui potranno accedere le 40 startup che hanno presentato le idee migliori; per le prime 20 si apriranno invece le porte dei percorsi di incubazione del CSI Napoli Est, lo spazio allestito dal comune partenopeo fornito di spazi attrezzati, , servizi di consulenza specialistica e di formazione.

I premi però non finiscono qui. Le 10 migliori startup infatti avranno la possibilità di illustrare i loro progetti alla comunità finanziaria e ai media, mentre le prime sei voleranno alla Silicon Valley o in un'altra importante realtà all'estero per uno stage gratuito di una settimana.

Tech Fanpage seguirà tutti gli eventi con riprese ed interviste video ai protagonisti, nel frattempo per chiunque voglia informazioni o inviare la domanda di partecipazione è possibile collegarsi al sito Incubatorenapoliest.it.