video suggerito
video suggerito

WhatsApp, attenzione alla truffa: ecco il messaggio che nasconde un virus

Da qualche giorno la popolare applicazione di messaggistica istantanea WhatsApp è stata presa di mira da un gruppo di criminali che sfrutta la celebre app per inviare messaggi che nascondono pericolosi virus.
A cura di Matteo Acitelli
567 CONDIVISIONI

Da qualche giorno la popolare applicazione di messaggistica istantanea WhatsApp è stata presa di mira da un gruppo di criminali che sfrutta la celebre app per inviare messaggi che nascondono pericolosi virus. Tra i malware più diffusi negli ultimi tempi tramite WhatsApp troviamo il ransomware, una tipologia di minaccia informatica in grado di bloccare il dispositivo infettato fino a che l'utente non paga un riscatto.

Immagine

Questa nuova tecnica utilizzata da alcuni malviventi per infettare gli smartphone delle vittime agisce direttamente all'interno della nota applicazione: si riceve un messaggio da un utente che ha come username "WhatsApp" ed invia un messaggio di testo simile al seguente: "Congratulazioni, il tuo numero di telefono +39XXXXXXXXXX è stato selezionato casualmente come dispositivo mobile fortunato di oggi! Hai un (1) premio non reclamato. Reclama il tuo premio ora!". Il messaggio è poi accompagnato da un'immagine e da un scheda contatto. Si tratta di una truffa, nel caso in cui doveste ricevere un messaggio di questo tipo la prima cosa da fare è eliminare la conversazione e bloccare il contatto. Un semplice tap su uno dei contenuti multimediali ricevuti tramite WhatsApp da uno sconosciuto potrebbe essere fatale per compromettere la sicurezza del dispositivo mobile.

Immagine

Le truffe su WhatsApp ed i social network in generale sono numerose, la scorsa settimana una falsa email di WhatsApp segnalava la presenza di un fantomatico messaggio audio presente nella segreteria dell'app di instant messaging. In realtà, però, l'email non contiene alcun file audio, si tratta solo di un malware in grado di insediarsi nel sistema. Questa malware è pensato per tutti quegli utenti che leggono le email dallo smartphone, aprendo il file da un dispositivo mobile, infatti, gli hacker riescono a prendere il pieno controllo del dispositivo con la possibilità di scaricare tutte le foto salvate nel rullino fotografico del dispositivo per poi ricattare gli utenti.

567 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views