11 Marzo 2021
18:23

Wombo, l’app che usa l’intelligenza artificiale per farti cantare hit musicali e meme

Elon Musk canta a ritmo di samba, Johnny Depp si lancia in una cover anni 80 e lo stesso può fare chiunque utilizzi gli algoritmi di intelligenza artificiale di quest’app che sta spopolando sui social. Il sistema anima foto statiche per far lanciare i protagonisti in esibizioni canore. La qualità non è eccelsa ma l’effetto colpisce.
A cura di Lorenzo Longhitano

Poche settimane fa su TikTok ha fatto scalpore il profilo del finto Tom Cruise, un imitatore abbinato a tecniche di deepfake che sembrava identico all'originale. Quel lavoro ha richiesto settimane di sviluppo, perfezionamento e recitazione, ma sempre in questi giorni una semplice app promette di ottenere qualcosa di simile con le proprie foto e quelle degli amici: si chiama Wombo, si può scaricare sugli smartphone Android e iOS e utilizza algoritmi di intelligenza artificiale per animare i volti catturati in fotografia con video e musiche preimpostati.

Non ingannano ma divertono

Wombo è relativamente nuova nel panorama delle app ma sta già guadagnando un buon successo, anche se la ragione non è sicuramente la qualità dei deepfake che produce; il software del resto si basa su una sola foto frontale del soggetto da animare e produce video che anche un occhio non esperto può riconoscere come fasulli. Quel che sta conquistando gli utenti è la libreria di video predefiniti con i quali è possibile dare vita alle foto catturate dalla fotocamera o scelte dal rullino: si tratta di appena 15 tracce che però restituiscono risultati esilaranti. Se infatti da una parte i volti vengono distorti in modo percettibile, dall'altra le espressioni restano plausibili ma palesemente esagerate. Le tracce sono coinvolgenti e il fatto che nelle animazioni delle canzoni sia compreso il movimento delle labbra contribuisce a rendere il tutto più divertente e al contempo inquietante.

Wombo non è la prima app che fa leva sull'intelligenza artificiale per proporsi agli utenti, ma è sicuramente una delle più chiacchierate del momento. La facilità d'uso è un altro aspetto che gioca a suo favore: per iniziare basta scattare con lo smartphone una foto di un volto, umano o meno, oppure sceglierla dalla galleria: Wombo riconosce i tratti somatici e propone di scegliere a quale canzone applicarli. A ogni brano è associata una animazione che viene elaborata in una quindicina di secondi; il video ottenuto si può condividere online su tutte le piattaforme. Lato privacy, gli sviluppatori assicurano che i dati inviati sui loro server vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione, senza che rimanga traccia online delle foto utilizzate per generare le clip.

Questi gattini non esistono: li ha creati una intelligenza artificiale
Questi gattini non esistono: li ha creati una intelligenza artificiale
Quest'app ti dirà se potresti avere un tumore della pelle
Quest'app ti dirà se potresti avere un tumore della pelle
Tutto quello che c'è da sapere su FIFA 22, dall’HyperMotion all’intelligenza artificiale
Tutto quello che c'è da sapere su FIFA 22, dall’HyperMotion all’intelligenza artificiale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni