24 Luglio 2012
12:03

AgCom, domani al via l’era Cardani

Alle 11.30 di domani si riunirà per la prima volta il nuovo consiglio dell’Authority dopo i ritardi burocratici che avevano creato una vacatio interna al garante. Tra le priorità l’assegnazione delle commissioni ai neo-consiglieri.
A cura di Angelo Marra
agcom-domani-al-via-l-era-cardani

Domani mattina l'AgCom tornerà ad essere attiva. Nei giorni scorsi, in concomitanza con il procedimento d'infrazione contro l'Italia per aver inserito nel Decreto Semplificazione alcune norme che limitavano proprio i poteri dell'authority, l'AgCom si era trovata priva del suo Consiglio, visto che quello guidato da Calabrò si era dimesso e per ritardi burocratici mancava ancora l'ok della Corte dei Conti per la nuova giunta. Fonti interne avevano garantito che il problema sarebbe stato risolto entro pochi giorni, al massimo all'inizio di questa settimana e così è stato.

Domani a Napoli si riunirà infatti per la prima volta il Consiglio guidato dal neo-eletto Angelo Cardani, con all'ordine del giorno l'assegnazione dei quattro consiglieri presso le due commissioni dell'authority, quella che ha come proprio raggio d'azione servizi e prodotti e quella che opera su infrastrutture e reti. Archiviata anche l'ipotesi iniziale di cancellare le commissioni ed affidare tutti i lavori al consiglio (i cui membri sono stati ridotti da 8 a 4) in quanto la loro presenza è definita dalla legge che ha proprio istituito l"authority, la quale naturalmente non può intervenire al riguardo. Toccherà quindi a Cardani stabilire l'assegnazione dei quattro consiglieri, Preto, Posteraro, Martusciello e Dècina, presso le due commissioni Csp e Cir.

AgCom, Angelo Cardani verso la Presidenza
AgCom, Angelo Cardani verso la Presidenza
AgCom, Cardani: “Serve una via italiana alla digitalizzazione”. Il paese però rincorre ancora l'UE
AgCom, Cardani: “Serve una via italiana alla digitalizzazione”. Il paese però rincorre ancora l'UE
Calabrò si dimette, AgCom allo sbando?
Calabrò si dimette, AgCom allo sbando?
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni