Circa 1.900 dipendenti dei 7.500 attualmente impiegati da Airbnb saranno licenziati nel corso dei prossimi giorni a causa dell'impatto che l'azienda ha subito in seguito alla diffusione del coronavirus nel mondo. Lo ha annunciato il co-fondatore Brian Chesky all'interno di una nota inviata ai suoi lavoratori. "È la settima volta che vi parlo da casa mia" ha scritto Chesky. "Ogni volta che abbiamo parlato, ho condiviso buone notizie e cattive notizie. Oggi devo parlarvi di notizie molto tristi".

Con un lungo messaggio pubblicato sul sito aziendale, il co-fondatore ha confermato la riduzione della forza lavoro di Airbnb del 25 percento, pari a circa 1.900 dipendenti. Il blocco dei viaggi ha avuto un impatto troppo forte sul business di un'azienda focalizzata sul fornire case vacanze per brevi periodi di tempo: le previsioni per quest'anno parlano di guadagni ridotti della metà rispetto a quelli del 2019. Nemmeno l'aumento di capitale a 2 miliardi e i tagli che hanno coinvolto tutti i dipartimenti hanno evitato la soluzione presa ora da Airbnb: il licenziamento di 1.900 dipendenti.

"Non sappiamo quando torneranno i viaggi e quando lo faranno saranno differenti" ha spiegato il co-fondatore. "Sappiamo che il business di Airbnb si riprenderà, ma i cambiamenti che attraverserà non sono temporanei o limitati nel tempo. Per questo dobbiamo effettuare cambiamenti fondamentali riducendo la dimensione della forza lavoro e concentrandoci su una strategia più focalizzata". Questo significa ridurre gli investimenti in attività che non supportano direttamente la comunità di host, mettendo in pausa gli sforzi relativi ai trasporti e agli Studios e riducendo gli investimenti nelle sezioni Hotel e Lux, cioè quella parte dell'offerta dedicata a una fascia più alta di utenti.

L'idea è quella di tornare alle origini, concentrandosi sul business che ha dato vita all'Airbnb originale che solo in seguito si è ampliato accogliendo una serie di nuove "funzioni". "I team di tutta l'azienda saranno impattati da questi cambiamenti" continua il messaggio. "Le dimensioni di molti team saranno ridotte in base a quanto sono vicini alla direzione verso cui sta andando Airbnb". Per i dipendenti negli Stati Uniti e in Canada, l'ultimo giorno lavorativo sarà l'11 maggio. "Per chi ci sta lasciando, sono molto dispiaciuto" conclude Chesky. "Sappiate che non è colpa vostra. Il mondo non smetterà mai di cercare le qualità e i talenti che avete portato in Airbnb, che hanno aiutato a creare Airbnb. Vi voglio ringraziare, dal profondo del mio cuore, per averli condivisi con noi".