Opinioni
16 Giugno 2014
13:27

AirBrowser, intervista agli sviluppatori dell’app che rivoluziona la navigazione web in TV [VIDEO]

Intervista a Ivan Dama, Amministratore di IdeaSolutions e sviluppatore di AirBrowser, un’applicazione che va ben oltre il semplice screen mirroring e porta, per la prima volta, la navigazione web desktop-like in TV, grazie a una serie di caratteristiche che la rendono semplice e funzionale.
A cura di Dario Caliendo

Nonostante gli ultimi aggiornamenti software e l'introduzione dello screen mirroring, l'Apple TV continua a generare forti critiche e perplessità da parte di tantissimi utenti che, tutt'oggi, non ne riescono a cogliere la comodità. In effetti, il dispositivo per l'home entertainment made in Cupertino ha tantissimi pregi, ma di certo quando si parla di navigazione internet il sistema pensato da Apple ha ancora tantissima strada da fare. A correre ai ripari ci pensano gli sviluppatori italiani di IdeaSolutions che, forti dell'esperienza appresa nella progettazione e la realizzazione di applicazioni per alcuni dei più importanti enti italiani, hanno pubblicato nell'AppStore un'app davvero molto interessante w che potrebbe cambiare le sorti del dispositivo da salotto di Apple.

Come navigare con la Apple TV

La semplicità d'utilizzo e la user experience sono i fattori principali sui quali si è basato lo sviluppo di AirBrowser. "L'idea dell'applicazione è nata quando ci siamo resi conto che utilizzare l'Apple TV per navigare in internet, offriva un'esperienza poco appagante" – ci ha spiegato Ivan Dama, Amministratore della software house che ha realizzato l'app – "Il sistema nativo studiato da Apple non è altro che un semplice mirroring, cioè una riproduzione ingigantita sulla televisione dell'interfaccia grafica di un dispositivo da 4", che oltre ad essere caratterizzata con font molto grandi e un'area di leggibilità molto ridotta, riproduce una versione mobile della pagina internet, con una modalità di puntamento del tutto inadeguata, che costringe l'utente a guardare comunque lo smartphone o il tablet".

Utilizzando AirBrowser infatti, gli utenti visualizzeranno sulla TV le pagine web desiderate, che saranno riprodotte con un'interfaccia desktop, mentre lo smartphone o il tablet si trasformeranno in veri e propri dispositivi di puntamento, tramite i quali – grazie anche al puntatore responsivo che cambia quando ci si trova su collegamenti ed elementi interattivi presenti nella pagina web – sarà possibile utilizzare il touch screen del dispositivo mobile come un trackpad e come una tastiera virtuale per inserire gli indirizzi.

Proprio come accade nei browser tradizionali per Mac e PC, anche con AirBrowser sarà possibile la gestione dei tab, per accedere in contemporanea a più pagine e per visualizzarle velocemente, e la gestione dei preferiti e della cronologia. Inoltre, l'integrazione del supporto relativo alle gesture tipiche di iOS, permetterà di zoommare e navigare proprio some se si stesse navigando con un browser su un iPhone o un iPad.

Insomma, il discorso è semplice. Da anni le più grandi aziende stanno provando a portare in salotto la navigazione internet, integrando browser sia nelle SmartTV che nelle console di ultima generazione. Purtroppo però, questa tipologia di navigazione è da sempre frenata dalla scarsa potenza di calcolo dei processori integrati nelle TV e dai dispositivi di puntamento poco adatti a catturare l'attenzione degli utenti. AirBrowser porta finalmente aria nuova e grazie alla semplicità d'utilizzo e l'esperienza desktop-like, ha tutte le carte in regola per rivoluzionare le modalità di navigazione web in TV.

DustApp, intervista agli sviluppatori dell'alternativa sicura a WhatsApp
DustApp, intervista agli sviluppatori dell'alternativa sicura a WhatsApp
DustApp, intervista agli sviluppatori del Whatsapp italiano che protegge la privacy
DustApp, intervista agli sviluppatori del Whatsapp italiano che protegge la privacy
130.924 di AlessiaDiRaimondo
Winamp sta tornando: dopo anni si aggiorna l'app che nel 1997 rivoluzionò l'ascolto di musica
Winamp sta tornando: dopo anni si aggiorna l'app che nel 1997 rivoluzionò l'ascolto di musica
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni