Opinioni
23 Aprile 2014
11:50

Apple vs. Samsung, l’azienda sudcoreana ribatte: “FaceTime viola un brevetto del 1994”

Dopo tre settimane di difesa, l’azienda sudcoreana passa all’attacco e accusa Apple di aver violato un brevetto del 1994 con il suo FaceTime, la videochiamata via internet introdotta per la prima volta con l’iPhone 4.
A cura di Dario Caliendo

Si apre un nuovo importante capitolo della saga che vede antagoniste Apple e Samsung. Ormai alla quarta settimana della battaglia legale tra i colossi tecnologici, l'azienda sudcoreana ha risposto alle accuse, colpendo a sua volta Apple, accusandola di aver violato un brevetto di sua proprietà, nello sviluppo di FaceTime.

Nello specifico, la violazione riguarderebbe un algoritmo di compressione del video che verrebbe utilizzato nella piattaforma di Apple prima di inviare il flusso di dati in rete. Idea che sarebbe stata brevettata da Samsung nel 1994, periodo nel quale l'azienda sudcoreana era all'avanguardia nel settore.

Per rispondere alle accuse, gli avvocati di Apple hanno più volte sottolineato che si tratterebbe di una tecnologia obsoleta, e che gli algoritmi di streaming video utilizzati nei sistemi operativi di Cupertino ne sono una semplice evoluzione.

L'ultimo capitolo della guerra dei brevetti tra Apple e Samsung è iniziato lo scorso 31 marzo, a seguito dell'accusa da parte dell'azienda di Cupertino nei confronti del colosso sudcoreano, di aver violato cinque brevetti tra cui lo "slide to unlock", per cui chiede un risarcimento di 2 miliardi di dollari assieme alla rimozione dal mercato di 37 milioni di dispositivi, tra smartphone e tablet, prodotti e venduti dall'agosto del 2011. Una richiesta enorme che sottolinea il clima con cui è iniziato questo nuovo processo.

La tesi di Apple si concentra dunque sulla violazione di 5 brevetti che sono alla base del grande successo dell'iPhone, sul mercato ormai dal 2007. I 5 brevetti, che caratterizzano 5 funzioni particolari dell'iPhone, sono:

  1. la funzione degli indirizzi, data enumeri di telefono che appaiono come link nei messaggi: è un brevetto di Apple dal 1999 e consente di vedere come link l'ora, la data e i numeri di telefono nei messaggi. Una volta cliccato ad esempio un numero, ecco che parte la telefonata;
  2. la sincronizzazione dei dati in background: è un a funzione che permette di sincronizzare dati tra più dispositivi;
  3. la ricerca universale: funzione di Apple du brevetto in possesso dal 2005, permette di effettuare ricerche sul web direttamente dal dispositivo;
  4. la funzione "slide" di sblocco: è la funzione che permette di sbloccare il dispositivo eseguendo un gesto sullo screen. E' in uso ormai su diversi sistemi operativi mobili, tra cui, ovviamente, Android;
  5. la funzione di auto-completamento dei testi.

Il mese scorso Samsung ha utilizzato una serie di diapositive tratte da una riunione di pianificazione di Apple, per difendersi dalle accuse del colosso statunitense e ribattere, dichiarando che l'aumento della popolarità relativa agli schermi grandi a fronte di una diminuzione delle vendite degli iPhone, oggetto della riunione in questione, è da attribuire all'aumento della popolarità degli smartphone Galaxy di Samsung.

Apple e Samsung pongono fine alla guerra dei brevetti fuori dagli Usa
Apple e Samsung pongono fine alla guerra dei brevetti fuori dagli Usa
99 di Viral Tech
Samsung ha violato 2 brevetti: 120 mln di dollari i danni da risarcire ad Apple
Samsung ha violato 2 brevetti: 120 mln di dollari i danni da risarcire ad Apple
Nessuno stop alle vendite di Samsung: Apple sconfitta in tribunale
Nessuno stop alle vendite di Samsung: Apple sconfitta in tribunale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni