23 Dicembre 2014
12:30

Black out di internet in Corea del Nord, gli analisti: “Non sono stati gli USA”

Nelle ultime 24 ore l’infrastruttura del paese ha subito diversi attacchi che ne hanno compromesso l’operatività, rendendo quasi impossibile la connessione da parte dei cittadini. Un attacco che secondo alcuni è stato portato a termine dagli USA. Gli analisti, però, frenano: “Non sono stati loro”.
A cura di Marco Paretti

Nel corso della nottata gli utenti della Corea del Nord hanno avuto grosse difficoltà a connettersi ad internet. Nelle ultime 24 ore l'infrastruttura del paese ha subito diversi attacchi che ne hanno compromesso l'operatività, rendendo quasi impossibile la connessione da parte dei cittadini.
Una tempistica inusuale, visto che l'attacco arriva dopo poche ore dalle dichiarazioni del presidente Obama, il quale ha chiesto aiuto alla Cina per limitare le capacità informatiche della Corea del Nord impedendogli di continuare gli attacchi a Sony.

"Non ho mai visto prima un’instabilità e interruzione del genere in Corea del Nord" ha affermato Doug Madory, direttore di analisi internet al Dyn Research "Normalmente ci sono salti della connessione, non problemi continui. Non sarei sorpreso se stessero ricevendo un qualche genere di attacco".
Un attacco che è stato inizialmente attribuito proprio agli Stati Uniti, i quali avrebbero sfruttato la nottata per attuare una rappresaglia volta ad inibire le possibilità di connessione dell'intero paese. Una teoria però subito smontata dagli analisti, che hanno respinto con forza l'idea di un attacco statunitense.
.

Molti sono infatti gli elementi contro un eventuale coinvolgimento degli USA. A partire proprio dalle tempistiche: il servizio di monitoraggio Atlas ha individuato tracce di attacchi contro la Corea del Nord fin dalla scorsa settimana, con i primi segni risalenti a ben prima che l'FBI accusasse il governo di Pyongyang di essere il mandante dell'attacco hacker.
Inoltre, le azioni sarebbero state indirizzate verso obiettivi pubblici e non militari, come siti web dell'amministrazione o dell'università. Il black out totale sarebbe dovuto al fatto che la Corea del Nord ha un unico collegamento internet che passa per la Cina, quindi facilmente soggetto ad intasamenti.

L'ultimo elemento in grado di confutare il coinvolgimento USA è costituito dalle modalità stesse con il quale è stato portato a termine l'attacco. Se davvero un governo come quello degli Stati Uniti avesse voluto attaccare in questo modo la Corea del Nord, il black out sarebbe stato portato a termine in pochi secondi – non giorni – e probabilmente sarebbe durato ben più a lungo di 10 ore.
"Sono piuttosto sicuro che questo non è un lavoro degli USA" ha concluso Dan Holden di Atlas "Se fosse stato un vero attacco da parte degli Stati Uniti, probabilmente ce ne saremmo accorti troppo tardi. Questo non è il modus operandi di un governo".

Attacco hacker a Sony, gli USA confermano il coinvolgimento della Corea del Nord
Attacco hacker a Sony, gli USA confermano il coinvolgimento della Corea del Nord
The Interview, BitTorrent potrebbe distribuire il film che ha fatto arrabbiare la Corea del Nord
The Interview, BitTorrent potrebbe distribuire il film che ha fatto arrabbiare la Corea del Nord
Attivista vuole "sganciare" 100.000 copie del film The Interview sulla Corea del Nord
Attivista vuole "sganciare" 100.000 copie del film The Interview sulla Corea del Nord
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni