Le aziende di carte di credito dovrebbero bloccare i pagamenti verso i siti pornografici, accusati di promuovere violenza sessuale, incesto e razzismo e di rendere disponibili contenuti che coinvolgono minori e traffico sessuale. È la richiesta di un gruppo di attivisti presentata ad alcune delle principali aziende di carte di credito, tra cui le "big" del settore: MasterCard, Visa e American Express. Un'accusa respinta dai portali pornografici, tra cui anche Pornhub che scrive: "La lettera non è solo fattualmente sbagliata, ma anche intenzionalmente ingannevole".

Firmata da gruppi inglesi, americani, ugandesi, indiani e australiani, la lettera è stata inviata a 10 aziende e chiede di sospendere i pagamenti verso i portali pornografici. "Non è possibile giudicare o verificare il consenso in qualsiasi video sulle piattaforme, per non parlare delle dirette in webcam" si legge nella lettera. "Questo rende i siti pornografici un obiettivo per i trafficanti sessuali, i pedofili e altri video non consensuali". All'accusa fa eco Haley McNamara, direttrice dell'International Centre on Sexual Exploitation inglese: "Abbiamo assistito a un aumento delle proteste in merito ai pericoli della pornografia negli ultimi mesi. Noi chiediamo che le istituzioni finanziarie analizzino il loro ruolo di supporto nell'industria pornografica e recidano i rapporti con essa".

Nella lettera viene citato Pornhub, il principale portale pornografico che solo nel 2019 ha registrato 42 miliardi di visite, circa 115 milioni al giorno. Il portale era già stato citato nel 2019 dopo che l'FBI aveva avviato un'investigazione su presunti abusi avvenuti all'interno della casa di produzione "Girls Do Porn", rimossa dal portale all'avvio delle indagini. In seguito, l'Internet Watch Foundation ha evidenziato che tra il 2017 e il 2018 sono stati individuati 118 contenuti raffiguranti abusi e stupri su minori all'interno del portale. "Abbiamo un impegno nel combattere ed eliminare ogni contenuto illegale, inclusi i video non consensuali e quelli con minorenni" ha scritto Pornhub in una nota. "Ogni suggerimento che afferma l'opposto è categoricamente inaccurato". Secondo il portale pornografico, la lettera è stata inviata da aziende che "vogliono indirizzare l'orientamento sessuale e l'attività delle persone".

Attualmente, delle tre grandi aziende di carte di credito solamente MasterCard e Visa consentono di pagare all'interno dei portali pornografici. American Express ha messo al bando i pagamenti di questo tipo nel 2011, tranne che per un progetto pilota con un'unica azienda, ma solamente per i pagamenti negli Stati Uniti. "Stiamo investigando le accuse indicate dalla lettera" ha commentato un portavoce di MasterCard. "Se troveremo attività illegale o violazioni delle nostre regole, lavoreremo con il venditore per farli rientrare in conformità o termineremo il loro collegamento con il nostro network".