Con più di 30 nazioni rappresentate, 70 giocatori provenienti dagli Stati Uniti d'America, 14 provenienti dalla Francia ed 11 provenienti dal Regno Unito, si è conclusa la Fortnite World Cup disputata nell'Arthur Ashe Stadium di New York, il tempio del tennis americano. Ma, per questa volta, per gli sportivi niente palline o racchette, ma computer e schermi, la coppa del mondo del Battle Royale più famoso del mondo ha un vincitore: si chiama Kyle Giersdorf, è uno statunitense di 16 anni ed ha vinto 3 milioni di dollari. Dopo di lui Jaden Ashman, un quindicenne dell'Essex (una contea inglese al nord di Londra) che, con il secondo posto, è riuscito a portarsi a casa 1 milione di dollari.

Chi è Kyle "Bugha" Giersdorf, il vincitore della Fortnite World Cup

Classe 2003, Kyle "Bugha" Giersdorf è un teen ager statunitense che vive in Pennsylvania, uno degli Stati statunitensi con più giocatori professionisti di Fortnite. Dopo essersi qualificato per la Fortnite World Cup nella prima settimana delle sfide in modalità "Solo", il giovane giocatore si è subito messo in mostra con prestazioni di altissimo livello per la Homer grind, una danza che imita i movimenti di Homer Simpson in cui viene coperto il viso con le braccia e il personaggio muove i fianchi disegnando un cerchio, utilizzata anche come esultanza al termine del torneo.

Nelle finali del torneo Bugha è riuscito a vincere la sua prima partita con un totale di 9 uccisioni, raccogliendo 19 punti solo nel primo match ed arrivando all'incredibile punteggio finale di 59 punti, con ben 20 punti in più rispetto al secondo classificato.

Una vittoria schiacciante, descritta dai commentatori del torneo come "ridicola", perché nonostante il vincitore giocasse rilassato e sorridente, il suo era un livello molto più alto rispetto a quello degli altri giocatori. Un sorriso diventato ancora più grande quando è stato proclamato vincitore, portandosi a casa un premio da 3 milioni di dollari. "Tutto quello che voglio è una nuova postazione e una scrivania per il mio trofeo", ha raccontato Kyle alla BBC ma date sue prestazioni nella competizione, siamo sicuri che molto probabilmente una sola scrivania per i trofei potrebbe diventare presto troppo piccola.

Tra i vincitori c'è un italiano: si chiama Edoardo Badolato e ha vinto 67 mila dollari.

E tra i giocatori di Fortnite più forti del mondo c'era anche l'italiano Edoardo "Carnifex" Badolato, un ventiquattrenne bergamasco arrivato alla competizione dopo dieci settimane di qualificazioni. "Non ci potevo credere" – ha raccontato al Corriere "quando ho finito il liceo sapevo già di voler diventare un gamer professionista".

Professionista di Fortnite da circa un anno e reduce da tre mondiali eSports, viaggi in America, Spagna, Francia ed Australia sponsorizzati dal team, Edoardo passa la giornata ad allenarsi per oltre 8 ore al giorno a casa dei suoi genitori o nella "gaming house" che il suo team gli ha messo a disposizione.

Il torneo dei record

La fase finale del più grande torneo di Fortnite ha battuto tutto i record. L'incredibile montepremi finale di ben 30 milioni di dollari, unito alla  popolarità di Fortnite hanno reso il torneo appena concluso l'evento di eSport più grande della storia, con tanto di star e ospiti da tutto il mondo del tutto simili a quelli di atleti blasonati di altri sport.

Si parla di personaggi come Tyler “Ninja” Blevins e Turner “Tfue” Tenney, due giocatori professionisti di Fortnite che hanno affiancato altri giocatori nel corso della prima giornata dell'evento dedicata alla modalità creativa e al Celebrity Pro-Am, un torneo dedicato alle star di Fortnite e partecipato da Ninja, Tfue, Marshmello, RL Grime, Alison Wonderland ed Ewok.