989 CONDIVISIONI
Opinioni
ecosport
29 Luglio 2014
10:55

Car revolution: ecco come saranno le automobili del futuro

E’ ormai iniziata l’era delle “automobili intelligenti”, animate da tecnologie e servizi innovativi che nei prossimi anni cambieranno del tutto il modo di guidare e il modo di intrattenersi nel corso di lunghi o brevi percorsi, e che renderanno la guida sempre più sicura.
Immagine
A cura di Dario Caliendo
989 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
ecosport

Se si paragonasse il processo evolutivo delle tecnologie relative al mondo dei computer a quelle relative al mondo delle automobili, ci si renderebbe conto che fino a qualche anno fa i due settori sono cresciuti molto diversamente: mentre negli ultimi trent’anni i computer si sono evoluti esponenzialmente, trasformandosi con il tempo in dispositivi sempre più piccoli e potenti, le aziende automobilistiche hanno puntato molto di più sulla meccanica e sulla sicurezza. Ma ormai qualcosa è cambiato, e brand come Ford hanno iniziato progettare e integrare nelle automobili una serie di sistemi con i quali è stato possibile – finalmente – congiungere le due realtà.

Ma è solo l’inizio. La strada evolutiva che hanno ormai intrapreso le tecnologie automobilistiche è chiara, e da qui ai prossimi anni le automobili come le intendiamo ai giorni d’oggi cederanno il posto a vetture sempre più intelligenti, controllabili con la voce e integrate con smartphone e dispositivi mobili, nelle quali sarà possibile accedere a una serie di servizi e informazioni in tutta sicurezza.

WiFi a bordo

Potrebbe sembrare una tecnologia ovvia, ma con l’integrazione del WiFi nelle automobili del futuro, l’intrattenimento nel corso di piccoli e grandi tragitti cambierà sensibilmente. Grazie ai dispositivi wireless, nelle automobili si creerà una vera e propria rete senza fili (come quelle che da anni si utilizzano tra le quattro mura domestiche), che apriranno la porte a tantissime possibilità: basta pensare all’integrazione e la connessione contemporanea di dispositivi mobili multipli, alla condivisione della connessione internet, tramite la quale si potrà – ad esempio –  ascoltare la propria musica preferita in streaming e controllarla tramite la voce, oppure addirittura alla possibilità di connettere le automobili con la rete domestica, in modo da trasferire informazioni e contenuti multimediali direttamente dal computer di casa.

Riconoscimento vocale

Parliamoci chiaro: il riconoscimento vocale è la tecnologia che rivoluzionerà le automobili. E non solo per quanto riguarda l’intrattenimento di bordo, ma anche per quanto riguarda la sicurezza e l’integrazione di servizi aggiuntivi. Insomma, è ormai risaputo da tempo che inviare sms digitandoli sulla tastiera del telefono è una delle pratiche più pericolose che purtroppo alcune persone fanno alla guida, e ora che è ormai diventato uso comune twittare, aggiornare i post su Facebook e scrivere su WhatsApp le cose sono diventate ancora più complicate e pericolose. Ed è qui che entrano in gioco il riconoscimento e la sintesi vocale, tecnologie negli ultimi anni in forte sviluppo soprattutto nel settore dei dispositivi mobili, ma con enormi potenzialità anche nel mondo delle automobili.

La prima azienda automobilistica a rendersi conto dell'importanza di questa tecnologia è stata Ford, che con il suo Sync ha integrato – per la prima volta in maniera realmente funzionale –  un potente motore vocale con il quale non solo è possibile controllare lo smartphone connesso al computer di bordo e addirittura dettare un messaggio di testo, ma che interagirà con una serie di applicazioni installate nei dispositivi Android o iOS, con le quali – ad esempio –  si potrà controllare la riproduzione musicale e addirittura si potrà rimanere aggiornati in tempo reale su tutte le notizie più importanti, che verranno lette automaticamente dal sistema di bordo.

Computer di bordo digitalizzati

Siamo in viaggio e abbiamo bisogno di trovare un hotel per pernottare. Nella stragrande maggioranza dei casi, ai giorni d’oggi sarebbe necessario fermarsi e chiedere informazioni, oppure armarsi di smartphone ed effettuare le ricerche per trovare la sistemazione più adatta alle proprie necessità, con il rischio di distrarsi e distogliere lo sguardo dalla strada.

Le automobili del futuro saranno tutta un’altra cosa e grazie all’integrazione di smartphone e tablet, saranno dotate di computer di bordo molto più evoluti, con i quali sarà possibile accedere a tutte le informazioni necessarie semplicemente utilizzando la voce o i comandi al volante. Anche in questo caso, l’azienda automobilistica più innovativa in questo settore è Ford, e grazie al suo Sync con Applink è già possibile iniziare ad avere un’idea di come saranno i servizi integrati nelle automobili del futuro: nelle nuove auto prodotte dal colosso statunitense, è già possibile – ad esempio – trovare l’albergo più vicino alla propria posizione, effettuando la ricerca semplicemente utilizzando la voce.

Comunicazione car-to-car

Il concetto alla base della comunicazione car-to-car è molto simile a quello che da decenni anima la comunicazione automobilista-ad-automobilista, ma fortunatamente non include imprecazioni di alcun genere. Grazie a questa tecnologia messa a punto da Intel, le automobili del futuro potranno comunicare tra loro del tutto automaticamente, in modo da trasmettere tutta una serie di informazioni importanti, come la presenza di ostacoli sulla carreggiata, la velocità di scorrimento del traffico (che, a differenza di quanto accade attualmente, sarà in tempo reale) e addirittura l’esatta posizione dei veicoli affiancata da tutte le info relative alla marcia, per evitare collisioni improvvise e diminuire sostanzialmente la possibilità di incidenti.

Si tratta di una tecnologia che rivoluzionerà la sicurezza nei trasporti su strada, e che eviterà incidenti e situazioni pericolose. Basta immaginare al caso in cui ci sia ad esempio un motociclo in marcia dietro un camion, in questo caso specifico data la lunghezza del mezzo, il camionista potrebbe avere grosse difficoltà a rendersi conto della presenza del motociclista: se entrambi avessero un dispositivo di comunicazione, verrebbero avvisati della reciproca presenza e si eviterebbero situazioni palesemente pericolose.

Controllo remoto dell'autovettura

Negli ultimi anni smartphone e tablet stanno diventando il cuore del controllo di diversi dispositivi di uso comune: dalle luci di casa, ai condizionatori, ormai i dispositivi mobili hanno la possibilità di gestire praticamente tutti gli elettrodomestici. Ma è solo l’inizio. Grazie all’integrazione delle tecnologie WiFi e Bluetooth nelle autovetture, anche il mondo delle quattro ruote presto sarà presto rivoluzionato dall’arrivo di queste nuove tecnologie, rendendo possibile la localizzazione delle vetture, l’apertura delle portiere, l’accensione in remoto o l’attivazione dell’aria condizionata tramite un’applicazione installata sullo smartphone.

Ford ha già presentato un sistema con il quale si potrà parcheggiare l’auto sfruttando una tecnologia automatizzata, attivabile anche tramite uno smartphone, ma come sarà il futuro? Si potrebbe pensare a un sistema in grado di riconoscere la prossimità di un determinato autista all’autovettura, in modo da impostare automaticamente una serie di personalizzazioni come la temperatura di viaggio, la posizione dei sedili, la musica preferita etc.

Monitor della salute

Potrebbe sembrare una futilità in un’automobile, ma si tratta di una tecnologia che in grado di salvare tantissime vite e ridurre i rischi al volante soprattutto per chi soffre di patologie cardiache o di diabete, categorie di automobilisti che hanno circa il 23 percento in più di possibilità di essere coinvolte in incidenti stradali.

Proprio per questo, Ford ha sviluppato un nuovo sedile “intelligente” in grado di effettuare un vero e proprio elettrocardiogramma in tempo reale e di avvisare chi è alla guida dell’autovettura in caso di anomalie che richiedono l’intervento di un medico: cuore pulsante del nuovo sedile progettato da Ford sono sei sensori posti nello schienale, in grado di effettuare rilevazioni precise al 95 percento.

Molto interessante anche un altro prototipo presentato sempre dal colosso statunitense, in grado di monitorare in tempo reale del livello del glucosio sfruttando il sistema Sync connesso a uno smartphone tramite Bluetooth, integrabile anche con un sistema di guida assistita, che in casi di grave rischio per il conducente potrebbe mettere in sicurezza automaticamente l’autovettura, rilevando il percorso, gli ostacoli e le eventuali altre autovetture vicine, e parcheggiando automaticamente per poi chiamare i soccorsi comunicando con precisione millimetrica la posizione del veicolo rilevata tramite il GPS integrato.

Eco-mode

Ai giorni d’oggi le più grandi aziende automobilistiche hanno fatto passi da gigante per ottimizzare i consumi realizzando motorizzazioni rivoluzionarie come l’EcoBoost, in grado di offrire ottime prestazioni con una piccola cilindrata e consumi molto ridotti.

Ma le automobili del futuro saranno ancora più evolute, e integreranno nuove tecnologie in grado di monitorare e analizzare automaticamente lo stile di guida degli automobilisti, in modo da adattarcisi considerando anche la tipologia del percorso, il traffico e tutta una serie di fattori con i quali si renderà la guida più sicura ed economica.

Questo è un contenuto pubblicitario a cura di Ciaopeople Studios, realizzato in linea con le necessità del brand
989 CONDIVISIONI
 
ecosport
contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni