apple-airpods-recensione

A beneficiare dell'aggiornamento a iOS 13 – annunciato in queste ore alla conferenza WWDC dedicata agli sviluppatori del mondo Apple – non ci saranno soltanto gli iPhone compatibili, ma anche gli auricolari true wireless AirPods. Nel corso della lunga presentazione di ieri sera i responsabili dello sviluppo del noto sistema operativo si sono alternati sul palco per elencare parte delle numerose novità che costituiranno l'aggiornamento in arrivo questo autunno, fino a dedicare un momento esclusivamente alle due nuove funzionalità previste per gli auricolari: da una parte la possibilità per l'assistente vocale Siri di leggere i messaggi in arrivo e di comporre le risposte ascoltando la voce degli utenti senza bisogno di alcun comando di attivazione; dall'altra condivisione della musica con un altro iPhone e un altro paio di AirPods.

Gli AirPods leggeranno i messaggi in arrivo

Entrambe le funzionalità si potranno attivare a piacimento. Con la lettura automatica dei messaggi attivata Siri metterà in sottofondo la riproduzione musicale per leggere il contenuto delle notifiche ricevute, rimanendo in ascolto per dare all'utente la possibilità di rispondere senza usare le mani né dover attivare l'assistente digitale con il relativo comando. Si tratta di un tocco intelligente basato su un assunto semplice: con gli auricolari addosso, gli interventi ad alta voce di Siri non rischiano comunque di essere sentiti da estranei; tanto vale dunque dare la possibilità agli utenti di decidere se l'assistente vocale possa o meno parlare sopra alla playlist in riproduzione.

La seconda novità rappresenta una versione hi tech della tecnica di condivisione musicale più vecchia del mondo, ovvero la spartizione di un singolo paio di auricolari in due. Avvicinando due iPhone – ciascuno collegato al proprio paio di AirPods – sarà possibile riprodurre su entrambe le coppie di auricolari gli stessi brani contemporaneamente, proprio come se la fonte della musica fosse una sola.