email spam 40-anni

Una delle caratteristiche più interessanti dell'aggiornamento a iOS 13 presentato nelle scorse ore è un servizio di protezione dallo spam e dalle chiamate indesiderate gestito dagli algoritmi di machine learning dell'assistente digitale Siri – uno scudo digitale che scherma le chiamate provenienti dai numeri indesiderati e le spedisce direttamente in segreteria. La casa di Cupertino l'ha annunciato tra le tante novità dell'aggiornamento degli iPhone previsto per questo autunno, ma il pubblico presente ha accolto la notizia con particolare entusiasmo. Il perché è facile da immaginare: tra gli sviluppatori che assistevano alla conferenza (così come in tutto il mondo) la piaga delle chiamate di marketing e delle vere e proprie truffe telefoniche non è ancora stata debellata.

iOS 13, come vengono bloccate le chiamate

Dalla descrizione che ne ha fatto Apple, il sistema terrà conto del numero di telefono delle chiamate in entrata e lo comparerà non solo con i numeri già in rubrica, ma anche con quelli presenti nelle email ricevute e inviate e nei messaggi; in questo modo saprà riconoscere tanto gli amici e i parenti quanto, ad esempio, i contatti di lavoro che non sono stati aggiunti all'elenco dei numeri noti. Se il numero del chiamante corrisponde a uno di quelli trovati in memoria, la chiamata è autorizzata a passare al sistema telefonico vero e proprio, che fa squillare o vibrare l'iPhone oppure – se il telefono è in modalità silenziosa – visualizza semplicemente la notifica della chiamata. Se invece il numero non ha corrispondenze o è mascherato, parte in automatico la segreteria telefonica e l'utente non riceve neppure notifica della chiamata ricevuta.

Gli altri filtri antispam

L'opzione si può abilitare o disabilitare a piacimento anche dopo averla impostata. In questo modo, chiunque stia aspettando una telefonata da un numero sconosciuto (il corriere per una consegna, un contatto da un'azienda) può rimanere sicuro di riceverla. Si tratta in sostanza di un opzione più sofisticata della modalità non disturbare – presente su molti telefoni e che però blocca tutti i numeri non presenti in rubrica. Google dal canto suo propone un sistema estremamente evoluto, con una vera e propria intelligenza artificiale che risponde ai potenziali scocciatori chiedendo loro il motivo della telefonata, che però funziona solo negli Stati Uniti. Il filtro antispam di iOS 13 invece sarà disponibile per gli utenti iPhone in tutto il mondo non appena installeranno l'aggiornamento.